Contratto non rinnovato, spetta la Naspi?

Spetta l’indennità di disoccupazione al lavoratore con contratto a tempo determinato a termine che non viene rinnovato?

La Naspi è un’indennità mensile di disoccupazione che spetta ai lavoratori vittime di eventi di disoccupazione involontaria erogata solo su domanda dell’interessato. La Naspi, quindi, è rivolta soltanto ai lavoratori con contratto di lavoro subordinato che perdono la propria occupazione involontariamente.

Naspi per contratto non rinnovato

Una nostra lettrice ci chiede:

Buongiorno, mi sarebbe gradita una sua consulenza. Compirò 62 anni a novembre con 40 anni di contributi versati. Nel 2016 l’azienda dove lavoravo è fallita, sono sola l’unica entrata è il lavoro. In questi anni sono riuscita a singhiozzo a lavorare sempre con contratti a scadenza. In questo momento lavoro con contratto scadente 24/11/19. Purtroppo sono in attesa di ricovero per intervento, non so se prima o dopo la scadenza. Molto imbarazzata nel mettere a conoscenza l’azienda. Chiaramente farò domanda di pensione quota 100 a gennaio/febbraio. La mia domanda consiste nel capire se il contratto non viene rinnovato posso chiedere disoccupazione,  visto che il contratto si esaurisce non per volontà mia, chiedo a Lei come posso muovermi per avere un’entrata in questi mesi di vuoto.

La saluti e  ringrazio infinitamente.

Scadendo il suo contratto a fine novembre ed essendo la decorrenza della sua pensione con quota 100 a partire dal dal 1 marzo 2020, è ovvio che per questi mesi ha necessità di una sussistenza. La perdita del lavoro, anche con contratto a tempo non rinnovato, viene considerata involontaria e, di conseguenza, spetta l’indennità di disoccupazione per un numero di mesi pari alla metà di quelli contributivamente versati nel corso dei 4 anni precedenti la perdita del lavoro. Nel suo caso, però, le bastano soltanto 4 mesi di indennità di disoccupazione per giungere alla decorrenza della pensione.

Le raccomando solo una cosa: presentare la domanda di indennità di disoccupazione entro 68 giorni dalla perdita del lavoro per non perderne il diritto.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.