Contributi a fondo perduto 2020: cos’è e a chi spetta

Contributi a fondo perduto per sostenere le aziende: ecco a chi spettano e quali requisiti è necessario possedere per presentare la richiesta.

Il Decreto Rilancio ha portato, tra molti aiuti destinati alle imprese i cosiddetti Contributi a fondo perduto stanziati alle imprese con ricavi che non superano i 5 milioni di euro (riferiti allo scorso periodo di imposta). Per potervi accedere è necessario che il fatturato di aprile 2020 sia stato inferiore ai due terzi rispetto a quello di aprile 2019.

Contributi a fondo perduto, quanto spetta?

Si tratta di un contributi accreditato  direttamente dall’Agenzia delle Entrate a quelle  aziende, con ricavi 2019 inferiori a 5milioni di eruo, che possano dimostrare che nel mese di aprile 2020 abbiano subito una perdita del ricavo superiore ad un terzo rispetto al mese di aprile 2019.

Quanto spetta ad ogni Azienda? Le somme erogate sono decise sulla perdita dei ricavi subita e nello specifico:

  • alle aziende con ricavi fino a 400mila euro spetterà il 20% della riduzione del ricavo subita
  • alle aziende con fatturato da 400mila e 1milione di euro spetterà, invece, il 15% della riduzione del fatturato subita
  • alle aziende con ricavi compresi tra 1 milione e 5 milioni di euro spetterà il 10% della riduzione del fatturato subita.

Per ricevere i contributi a fondo perduto è necessario presentare apposita domanda all’Agenzia delle Entrate, che erogherà direttamente la somma sul conto corrente del richiedente tramite bonifico.

Si tratta di contributi che sono esclusi dalla tassazione e che non incidono, quindi, sul calcolo IRAP.

Per aver diritto al contributo a fondo perduto le aziende devono avere ricavi, relativi al 2019, inferiori ai 5 milioni di euro e possedere uno dei seguenti requisiti:

  • fatturato mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi rispetto allo stesso mese dell’anno precedente
  • aver iniziato la propria attività dopo il 1 gennaio 2019
  • avere il domicilio fiscale dell’azienda in uno dei Comuni interessati da calamità naturali ancora in atto alla data del 31 gennaio 2020.

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.