Contributi di colf e badanti: ecco come pagare e quali sono gli importi

Contributi di colf e badanti: il datore di lavoro deve effettuare il calcolo dei contributi dei lavoratori domestici e versarli all’Inps, ecco come

Per chi ha bisogno di un aiuto a casa, c’è la possibilità di assumere un personale che si occupi delle faccende di casa o del giardino oppure una babysitter che si occupi dei figli. Il rapporto di lavoro domestico include, come per un normale lavoro, il pagamento dei contributi previdenziali da parte del datore di lavoro e vanno versati ogni tre mesi all’Inps. Nel 2019 l’importo dei contributi per colf e badanti e lavoratori domestici è cambiato in base alle variazioni rapportate dall’Istat. Per questo sono state individuate nuove fasce di retribuzioni su cui calcolare i contributi dovuti. I Contributi versati per i lavoratori domestici coprono la pensione, la maternità, l’assicurazione contro gli infortuni e anche il diritto alla disoccupazione. Bisogna applicare il contributo addizionale, pari al 1,40%, a carico del datore di lavoro, per il rapporto di lavoro a tempo determinato. Non va calcolato per le assunzioni a termine effettuate per sostituire il lavoratore assente o in ferie.

Lavoro domestico 2019: il calcolo dei contributi

I contributi per i lavoratori domestici, compresi colf e badanti, nel 2019 è aumentato dell’1,1% a seguito delle variazioni dell’indice Istat, in base ai prezzi al consumo per le famiglie nel periodo tra 2017 e 2018.

Il calcolo dei contributi varia in base l tipo di contratto stipulato: tempo determinato; tempo indeterminato.

Per il calcolo dei contributi per i contratti a tempo determinato sono maggiorati del contributo addizionale dell’1,40%.

Calcolo contributi per colf e badanti

Per calcolare i contributi per colf e badanti abbiamo bisogno dei seguenti dati:

  • Importo dello stipendio;
  • La quota di 13 mensilità;
  • Il totale delle ore lavorate in tre mesi;
  • La quota convenzionale di vitto e alloggio.

Ci sono due modi per calcolare i contributi, ciò dipende dalle ore lavorate dai dipendenti: se non superano le 24 ore a settimana, il contributo orario si riferisce a tre diverse fasce di retribuzioni, se le ore superano le 24 ore il contributo è fisso.

L’Inps sul portale, per rendere li cose più semplici ai datori di lavoro, ha messo a disposizione un simulatore di calcolo.

Di seguito alleghiamo la tabella dei contributi per colf e badanti 2019, pubblicate con la circolare n. 16 del 1° febbraio 2019:

Circolare INPS numero 16 del 1° febbraio 2019

Contributi colf e badanti: le scadenze

Come abbiamo già detto, i contributi per i lavoratori domestici vanno versati trimestralmente, ed entro i primi 10 giorni del mese successivo al trimestre di riferimento.

Le scadenze per l’anno 2019 sono:

  • 1° trimestre dal 1 al 10 aprile 2019;
  • 2° trimestre dal 1 al 10 luglio 2019;
  • 3° trimestre dal 1 al 10 ottobre 2019;
  • 4° trimestre dal 1 al 10 gennaio 2020.

Nel caso di mancato pagamento, verranno applicate le sanzioni Inps.

Contributi lavoratori domestici: come si pagano

Per poter pagare i contributi per colf e badanti si hanno a disposizioni diverse modalità, esse sono:

  • Tramite il portale Inps, accedendo nella sezione Servizi OnLine e utilizzando la carta di credito;
  • Con bollettino MAV, richiesto all’Inps o scaricato dallo stesso portale e pagabile presso banche o uffici postali;
  • Tramite il servizio contact center dell’Inps al numero 803 164 sempre utilizzando la carta di credito;
  • Presso soggetti che aderiscono al circuito “Reti Amiche”, come tabaccherie, sportelli bancari di Unicredit, sportelli di Poste Italiane sempre con modalità Reti Amiche.

 

Colf e badanti: cambiano le regole sugli stipendi dal 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.