Contributi figurativi: sono validi per il calcolo dell’assegno pensionistico?

I contributi figurativi di malattia e disoccupazione sono validi, nell’opzione donna, per il calcolo dell’assegno pensionistico?

Le nuove normative pensionistiche creano non molta confusione ai lavoratori che devono accedere alla quiescenza. E’ il caso dei contributi figurativi utilizzabili per accedere all’opzione donna, per questa misura, infatti, non sono conteggiabili, al raggiungimento dei 35 anni di contributi richiesti per l’accesso, contributi figurativi derivanti da indennità di disoccupazione e da malattia. Una nostra lettrice però, vuol sapere se sono validi al calcolo dell’assegno pensionistico e ci scrive:

Buongiorno,

ecco il mio quesito, so che i contributi figurativi per Naspi e malattia non sono conteggiabili per i 35 anni richiesti per opzione donna.
Ma nel caso si abbiano i 37 anni più 3 anni di Naspi, questi ultimi rientrano nel conteggio della cifra che percepiro’ di pensione?
Oppure sono anni persi dal punto di vista contributivo?
 

Contributi figurativi e calcolo della pensione

Il requisito richiesto per l’accesso alla pensione con regime sperimentale opzione donna è di 35 anni di contributi con l’esclusione dei contributi figurativi derivanti da disoccupazione indennizzata e malattia.

I contributi figurativi, però, che eccedono i 35 anni sono validi per il calcolo dell’assegno pensionistico. 

I contributi figurativi derivanti da malattia e disoccupazione indennizzata nell’opzione donna, in presenza di 35 anni di contributi, sono utilizzati per la misura della pensione ma non per il diritto ad essa. Questo significa, quindi, che i contributi figurativi sono usati per il calcolo dell’assegno pensionistico, facendolo aumentare, mentre non valgono per il raggiungimento del diritto alla pensione.

La precisazione sul’utilizzo dei contributi figurativi per l’accesso all’opzione donna non è stata introdotto dalla normativa del regime sperimentale ma introdotta dalla legge Dini (legge 335 del 1995) e nella circolare INPS numero 44 del 1996. 

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.