Controlli sui contanti con movimenti già da 1.000 euro

Sono partite le verifiche per quanto riguarda versamenti o prelievi di contante, Bankitalia controllerà le movimentazioni

Sono partite le verifiche per quanto riguarda versamenti o prelievi di contante, Bankitalia controllerà le movimentazioni sospette oltre i 10mila euro, ciò non toglie che se ci saranno movimenti sospetti, gli addetti possano muoversi anche con cifre minori. Dovunque avremo un conto, bancario o postale che sia, sono già è diventeranno sempre di più, suggeritori dell’amministrazione finanziaria e dovranno comunicare obbligatoriamente mensilmente, le movimentazioni, principalmente di contanti, sul nostro conto corrente.

Cerchiamo di capire meglio questo funzionamento

La Banca d’Italia, ad agosto scorso, sul proprio sito ha pubblicato una serie di Faq sulla questione. Lo scopo è quella di combattere l’evasione fiscale e la norma di riferimento è quella antiriciclaggio approvata nel marzo scorso, sotto osservazione e con obbligo di segnalazione, i movimenti di contante mensile superiore ai 10mila euro.

Il controllo scatta anche se si hanno vari conti correnti aperti, i controlli scatteranno comunque facendo la somma  dei prelievi o dei versamenti efettuati. Un altro dato che importante sapere, non si dovrà per forza arrivare alla soglia dei 10mila euro, se l’ente che ci controlla ritiene che i nostri versamenti o prelievi possano dettare dubbi e stranezze, ci può venire a controllare qualunque sia la cifra in oggetto, già da 1.000 euro.

Sia la Guardia di Finanza che l’Agenzia delle Entrate, sottolineano come le segnalazioni non implicheranno controlli automatici, ma potranno essere utilizzate per incrociare i dati di chi utilizza con troppa frequenza il contante.

La nuova normativa non modifica quella esistente sul limite dell’utilizzo del denaro contante per transazioni che rimane alla soglia di 3mila euro, per cifre che vanno oltre, si devono usare strumenti tracciabili.

Controllo sui contanti, il nuovo sistema dell’Agenzia per il triennio 2019 – 2021


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp