Coronavirus, 8 aprile: in Italia aumentano di nuovo i positivi ma diminuiscono i decessi

Coronavirus: la situazione in Italia all’8 aprile, diminuiscono i decessi ma aumentano i nuovi positivi

Nuovo aggiornamento dell’epidemia di coronavirus in Italia da parte della protezione civile. In Italia alle ore 17 dell’8 aprile 2020 i contagi totali sono 139.422. I morti dall’inizio dell’epidemia sono 17.669 mentre i guariti sono 26.491. Per quanto riguarda invece le persone positive attualmente queste in totale sono 95.262. Al momento vi sono 28.485 ricoverati in ospedale con sintomi. I pazienti positivi a Covid-19 in terapia intensiva sono in Italia esattamente 3.693. Infine sono 63.084 i positivi che si trovano in isolamento domiciliare.

Coronavirus: la situazione in Italia all’8 aprile, diminuiscono i decessi ma aumentano i nuovi positivi

Andando ad analizzare questi dati relativi all’epidemia di coronavirus in Italia, ci accorgiamo che rispetto a ieri sono aumentati nuovamente i positivi in Italia questi nelle ultime 24 ore sono aumentati di 1.195 unità mentre ieri erano aumentati di 880. Questo a causa di 3.836 nuovi contagi, 542 nuove vittime e 2.099 guariti. Da segnalare l’ottimo dato riguardante le terapie intensive dove il numero dei pazienti per il quarto giorno consecutivo viene segnalato in calo. Infatti nelle ultime 24 ore sono 99 i pazienti in meno in terapia intensiva.

La Lombardia si conferma come la regione più colpita in Italia con 53.414 casi totali, 9.722 deceduti, 15.147 guariti e 28.545 casi totali. Di questi 11.719 ricoverati in ospedale con sintomi, 1.257 in terapia intensiva e 15.569 in isolamento domiciliare.

Ti potrebbe interessare: Il coronavirus “annulla il Natale”: la produzione globale di giocattoli è paralizzata

Coronavirus

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: Tesla ha annunciato una riduzione temporanea dello stipendio dei suoi dipendenti tra il 10 e il 30%


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp