Coronavirus: alla ricerca del vaccino, gli scienziati in lotta contro il tempo

Gli scienziati all’interno del laboratorio americano, stanno  sviluppando un vaccino contro il coronavirus, ecco di cosa si tratta.

Un nuovo virus mortale sta infettando tantissime persone, gli ultimi aggiornamenti secondo il bollettino arrivato da Pechino riporta 259 morti e circa 11mila persone infettate. Negli ultimi cinque anni, il mondo ha affrontato focolai di Ebola, Zika, un altro coronavirus chiamato Mers (Sindrome respiratoria del Medio Oriente), e ora il virus è semplicemente noto come “Coronavirus 2019-nCoV”.

A differenza di molti focolai precedenti, in cui i vaccini per proteggere le persone hanno impiegato anni per svilupparsi, la ricerca di un vaccino per aiutare a contrastare questo focolaio è iniziata a poche ore dall’identificazione del virus.

I funzionari cinesi hanno rilasciato il suo codice genetico molto rapidamente. Tali informazioni aiutano gli scienziati a determinare da dove provenga probabilmente il virus, come potrebbe mutare con lo sviluppo dell’epidemia e come proteggere le persone da esso.

Con i progressi tecnologici e un maggiore impegno da parte dei governi di tutto il mondo a finanziare la ricerca sulle malattie emergenti, le strutture di ricerca stanno intervenendo rapidamente, una vera lotta contro il tempo per debellare questo virus.

Coronavirus: allo studio di un vaccino con una velocità senza precedenti

Nel laboratorio di Inovio a San Diego, gli scienziati stanno usando un tipo relativamente nuovo di tecnologia del DNA per sviluppare un potenziale vaccino. “INO-4800”, come viene attualmente chiamato, con la speranza di poterlo somministrare all’uomo all’inizio dell’estate.

La Cina a differenza della Sars che dopo molto tempo fece sapere dell’epidemia, questa volta l’allarme è partito quasi subito, dando la possibilità ad esperti e medici di intervenire quasi nell’immediato. Vi riportiamo la cronologia del virus e le comunicazioni arrivate della sua diffusione.

La cronologia del Conoravirus  2019-nCoV

31 dicembre 2019 – La Cina avvisa l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di una serie di casi simili alla polmonite a Wuhan

1° gennaio 2020 – Il mercato in cui il virus si sarebbe sviluppato, centro dell’epidemia, è chiuso

9 gennaio – L’OMS afferma che l’infezione è causata da un nuovo tipo di coronavirus

10 gennaio – La Cina condivide il codice genetico del nuovo virus

11 gennaio – Gli scienziati iniziano a lavorare su un vaccino – e la prima morte viene confermata

13 gennaio – Il virus si diffonde all’estero per la prima volta, con un caso in Thailandia


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp