Coronavirus: anche il Regno Unito indaga sulla misteriosa origine dell’epidemia

Il Regno Unito si è unito agli Stati Uniti e alla Francia nella ricerca delle reali origini del coronavirus in Cina

Il Regno Unito si è unito agli Stati Uniti e alla Francia nel criticare la copertura da parte della Cina delle dimensioni del coronavirus al suo scoppio, nonché la misteriosa origine del virus. Accanto ai funzionari dell’intelligence statunitense, il Regno Unito sta esaminando il segreto relativo al Wuhan Institute of Virology (WIV) e la sua storia di misteriosi esperimenti sui virus dei pipistrelli. Ciò deriva dalla “crescente fiducia” da parte dei funzionari statunitensi che il laboratorio cinese è alla base dell’epidemia di virus e non un mercato umido come inizialmente sostenuto.

Il Regno Unito si è unito agli Stati Uniti e alla Francia nella ricerca delle reali origini del coronavirus in Cina

A più di quattro mesi dalla crisi, l’origine del coronavirus rimane avvolta in un mistero dopo che nessuna prova definitiva ha collegato l’epidemia al mercato umido di Wuhan. Questa settimana, un’indagine della Fox News ha rivelato che documenti cinesi hanno mostrato che il mercato umido di Wuhan inizialmente identificato come un possibile punto di origine non ha mai effettivamente venduto pipistrelli. Invece, i funzionari dell’intelligence statunitense ritengono che il mercato sia stato utilizzato dalla Cina per deviare la colpa dal laboratorio.

La comunità dell’intelligence americana è sempre più fiduciosa che l’epidemia è stata casualmente provata da un laboratorio di Wuhan che studiava malattie nei pipistrelli. Vedremo dunque se grazie anche alle indagini dell’intelligence del Regno Unito che si è unita a quella degli americani e dei francesi si riuscirà a fare luce sull’origine del coronavirus che sta creando non pochi problemi in tutto il mondo con la morte di decine di migliaia di persone.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: alcuni pazienti mostrano sintomi simili ad un infarto

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp