Coronavirus: Apple e Google si uniscono per creare un’App che avvisa gli utenti del pericolo contagio

Apple e Google hanno annunciato che lavoreranno insieme per monitorare la diffusione del coronavirus.

La pandemia di Coronavirus sta riunendo due giganti tecnologici rivali “Apple” e  “Google”. Le aziende metteranno a frutto le proprie competenze tecnologiche creando una piattaforma di tracciamento dei contatti. Questa piattaforma utilizzerà la tecnologia Bluetooth, avviserà gli utenti di fare attenzione e segnalerà i possibili pericoli.

Google avvisa che si tratta di una tecnologia basata su Bluetooth

Ha twittato Google CEO Sundar Pichai: “Per aiutare i funzionari della sanità pubblica a rallentare la diffusione di # COVID19, Google e @Apple stanno lavorando a un approccio di tracciamento dei contatti progettato con forti controlli e protezioni per la privacy degli utenti. @Tim_cook e ci impegniamo a lavorare insieme su questi sforzi”.

Google in un blog ha spiegato l’importanza del progetto e la stretta collaborazione e cooperazione con sviluppatori, sanità pubblica e governi; si spera di sfruttare al massimo il potere della tecnologia per aiutare a combattere in tutti i paesi la diffusione del Covid-19.

La nuova piattaforma operativa dal 1° maggio 2020

La piattaforma sarà operativa dal 1° maggio 2020 con funzioni sia su software Android che iOS. L’app sarà disponibile sugli app store, in modo che gli utenti possano scaricarla semplicemente. Al momento gli esperti sono al lavoro per creare una piattaforma di tracciamento dei contatti basata sul Bluetooth.

Questa app sarà diversa dalle altre, perché non utilizzerà tracciati dati sulla posizione GPS, quindi, non raccoglierà dati sulla posizione fisica delle persone. Rileverà i segnali dei telefoni vicini ogni cinque minuti e li memorizzerà in un database.

L’app sarà di facile utilizzo, ma gli utenti, per poterla utilizzare, dovranno registrarsi. Inoltre, una persona positiva a Covid-19 dovrà inserire il risultato del test sull’app. Quindi, l’app avviserà le persone che sono venute in contatto con la persona infetta.

Ci sono ancora molti problemi da risolvere, soprattutto riguardo la privacy . I due colossi stanno cercando di risolvere i vari problemi, considerando tutti i fattori e conservando la privacy di coloro che si iscrivono.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp