Coronavirus: arriverà un farmaco prima del vaccino

Coronavirus: arriverà un medicinale prima del vaccino.

E’ una notizia che fa discutere: arriva un’informazione secondo la quale, riguardo questa emergenza da Covid-19, possa arrivare un farmaco prima del vaccino; lo sostiene Philippe Widmer, direttore generale di Vifor Suisse.

Covid-19: arriverà un farmaco prima del vaccino

E’ probabile che arriverà prima un farmaco che il vaccino per combattere il Covid-19: si parla di metterlo sul mercato entro un anno. Le case farmaceutiche sono concentrate sul basarsi su medicinali già usati per curare patologie come l’Aids e l’Ebola.

Secondo Widmer bisogna essere veloci ed evitare l’analisi tossicologica, così da arrivare in modo diretto agli studi clinici, che dovrebbero essere abbastanza brevi. Trovare dei pazienti da reclutare nel mondo non sarà una cosa difficile. Questo studio clinico potrà andare da un minimo di due settimane ad un massimo di 4 settimane. In questo periodo verranno esaminati con cura l’efficacia dei farmaci.

Di sicuro molti medici non aspetteranno l’omologazione del farmaco per prescriverlo, anche se si può andare incontro a delle controindicazioni che non sono conosciute bene per tutti i tipi di pazienti e per le varie patologie.

La stessa cosa sta accadendo con il medicinale a base di idrossiclorochina, una sostanza contenuta in alcuni farmaci, di solito utilizzati contro la malaria.

Vogliamo ricordare che l’AIFA ha autorizzato tre nuovi studi per sperimentazioni di farmaci che prevedono il trattamento dell’infezione da Covid-19. Si tratta di:

  1. Emapalumab e Anakinra: il primo prevede una somministrazione, per via endovenosa, di un anticorpo monoclonale anti-interferone gamma, mentre il secondo è un’antagonista del recettore per la interleuchina-1, utilizzato per ridurre l’iper-infiammazione e il distress respiratorio per i pazienti con Coronavirus.
  2. Sarilumab: solitamente usato per il trattamento dell’artrite reumatoide.
  3. Tocilizumab: in grado di ridurre il numero di pazienti con la polmonite.

Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp