Coronavirus, come comportarsi a scuola

Il Coronavirus è in Italia e c’è molto panico e ansia per luoghi molto affollati o quotidianamente frequentati come la scuola.

Il Coronavirus è arrivato anche in Italia, e questa notizia ha spiazzato la nazione intera. Si respira un’atmosfera di panico e di ansia e i luoghi maggiormente affollati vengono visti come una minaccia. Ma non solo: anche luoghi dove ci si reca quotidianamente vengono visti come luoghi di pericolo, luoghi in cui si sta a contattato con tante persone che a loro volta sono state vicine ad altre. Tra i luoghi che più creano panico e paura sono i diversi ambienti scolastici. Si può, però, tirare un sospiro di sollievo perché sono arrivate le norme da seguire realizzate dal Ministero della Salute, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, che ci dicono come doverci comportare.

Panico da Coronavirus, come ci si deve comportare a scuola?

All’interno dello schema di norme emanato dal Ministero della Salute si evince che chi non ha avuto contatti con persone, parenti e amici, aventi il virus o chi non si è assentato da scuola nelle ultime due settimane può tirare un sospiro di sollievo e potersi recare tranquillamente presso l’edificio scolastico o universitario.

Le norme di salute emanate per tali ambienti scolastici sono le stesse che giorni fa furono emanate per l’intera nazione.

Quindi, anche in tali luoghi vale la regola di lavarsi le mani spesso, coprirsi naso e bocca quando si starnutisce oppure quando si ha un colpo di tosse.

E ancora: gettare in un contenitore che può essere chiuso tutti i fazzoletti utilizzati, pulire in modo scrupoloso le superfici ed evitare il più possibile di avere contatti fisici con persone che presentano anche il solo sintomo di influenza.

I genitori degli studenti più piccoli devono essere particolarmenti attenti alla saliva lasciata dai piccini in qualsiasi contesto.

Passiamo ora alle regole specifiche rivolte agli studenti tornati da pochi giorni dalla Cina.

Qualora si presentassero sintomi influenzali è necessario chiamare al numero 1500 oppure il 118, e coprirsi con  la mascherina e cercare di evitare contatti con altre persone.

Per tutti gli studenti che hanno viaggiato o magari soggiornato con persone aventi il Coronavirus, devono anch’essi chiamare i numeri di telefono prima riportati.

Infine, le norme salutari indette dai ministeri della Salute e dell’Istruzione ritengono necessario evitare qualsiasi viaggio in Cina e nelle zone maggiormente colpite.

Per tutti gli studenti che sono attualmente in viaggio in tali luoghi le norme dicono che è necesasrio evitare i mercati che vendono alimenti animali freschi o che presentano animali vivi.

E ancora: evitare nel modo più assoluto i contatti con le persone che presentano tali sintomi, lavare le mani dopo aver toccato qualsiasi cosa, e se la situazione dovesse peggiorare è bene contattare il consolato o l’ambasciata.

Se si accusano problemi di natura respiratoria è bene contattare all’istante un medico.

 

Leggi anche:

Coronavirus: le mascherine che si usano per proteggersi arrivano da Wuhan


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.