Coronavirus e fase 2: assalto ai treni, nuovo esodo da Nord e Sud

Coronavirus e fase 2: molte preoccupazioni per la fase 2 e il rientro massiccio che ci sarà delle persone dal Nord al Sud.

È boom di biglietti venduti, con la fase 2 da Coronavirus; addirittura Trenitalia ha dovuto aggiungere quattro frecce nelle tratte da Torino, Milano e Napoli, poiché a rimettersi in viaggio sono tre milioni di passeggeri.

Coronavirus e fase 2, nuovo esodo da Nord a Sud

E’ vero che questa fase 2 da Coronavirus vedrà la grande maggioranza di persone che dal Nord andranno al Sud, ma è vero anche che molti operai del Sud torneranno a lavorare nelle fabbriche del Nord. A tutti i lavoratori c’è da aggiungere chi torna nella città di residenza o domicilio, oppure universitari fuorisede.

La cosa da tenere in considerazione, durante l’emergenza Coronavirus, è che i treni risultano ancora più al completo, in quanto, per rispettare le distanze, hanno capienza dimezzata. Su un po’ tutto questo caos pesa anche la decisione di Italo di ridurre le corse, che ritorneranno a regime solo il 17 maggio.

La stessa cosa l’ha decisa la compagnia di bus Flixbus, ripresa totale il 17 maggio. Trenitalia ha dato disposizioni rigide delle modalità obbligatorie per salire sui treni: oltre all’uso delle mascherine, che dovranno essere obbligatorie, si raccomanda di usare guanti monouso ed è importante la distanza di sicurezza.

Sui treni c’è l’obbligo dei dispenser per igienizzare le mani e, cosa importante, l’introduzione del biglietto elettronico nominativo sia per gli intercity che per le Frecce, la prenotazione diventa obbligatoria. Questa opzione dà la possibilità di essere avvisati se per caso si sta condividendo il viaggio con un passeggero interessato dal virus.

Purtroppo il timore un po’ di tutti  è che questa ondata di movimenti, sia dal Nord al Sud che viceversa, possa portare ad un aumento di nuovi contagi. Si sta verificando quello che è successo già tempo fa quando, durante la notte, dopo aver appreso il comunicato delle decisioni del premier, ci fu un esodo notturno dal nord al sud, ma fortunatamente non si è generato un fenomeno molto grave.

Alcune Regioni, in questo caso Puglia e Campania, hanno messo in atto delle regole per evitare il fenomeno contagi da Coronavirus; c’è un’ordinanza che impone l’isolamento in quarantena per 14 giorni per tutti coloro che fanno rientro. In Sicilia è stato deciso di chiudere la Regione a tutti per il mese di maggio e riaprirla a giugno anche per i turisti.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp