Coronavirus e fase 2: il Durc scaduto è valido fino al 15 giugno 2020?

Scadenza Durc: validità fino al 15 giugno 2020, il nuovo decreto potrebbe portare l’abolizione del documento nelle nuove gare di appalto, le ultime novità.

L’emergenza coronavirus ha bloccato l’Italia, adesso siamo nella fase 2 di ripartenza. Infatti, dal 4 maggio molte aziende potranno ripartire (leggi qui l’elenco completo), nasce un nuovo problema che riguarda la scadenza del Documento unico di regolarità contributiva (DURC), che serve ad attestare la regolarità dei pagamenti contributivi. Ci si chiede quale sarà la nuova scadenza? Esaminiamo nel dettaglio le previsioni nel nuovo decreto. 

Coronavirus e Durc in scadenza

Il decreto Cura Italia ha reso validi prorogandone la scadenza tutti i documento in scadenza dal 31 gennaio al 15 aprile, avrebbero conservato la loro validità fino al 15 giungo 2020. Questa conferma è arrivata anche dall’Inps nei vari messaggi, confermando l’estensione della validità del Documento unico di regolarità contributiva online.

Il problema si pone sulla validità del Durc anche per i documenti aventi scadenza successiva a quella prevista nei provvedimenti.

Il messaggio Inps sulla proroga 

L’Inps con il messaggio n. 1546 del 8 aprile 2020, ha comunicato che nella nuova scadenza Durc online con una data compresa tra il  31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020, la validità del documento è conservata fino al 15 giugno 2020.

E’ stata implementata la funzione di “Consultazione” del servizio Durc online, rendendo disponibili i documenti in corso di validità fino al 15 giugno 2020.

Il Durc sarà abolito?

La ministra De Micheli, in riferimento al Documento Unico di Regolarità Contributiva  ha sottolineato che tutti i documenti in scadenza e prorogati con valenza 15 giugno 2020, saranno ufficializzati nel prossimo decreto.

Inoltre, da indiscrezioni, allo studio un’apposita legge che sospende almeno in questa situazione d’emergenza l’obbligo del Durc per le prossime gare d’appalto.

Il decreto in arrivo dovrebbe fare chiarezza sui tanti dubbi e mettere in grado le aziende di poter fornire i servizi anche senza la presentazione del Durc, anche in virtù della proroga dei pagamenti con F24.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”