Coronavirus e il mistero dell’Isola del Giglio: nessun positivo

I ricercatori tentanto di risolvere il mistero dell’isola del Giglio in cui nessuno è risultato positivo al coronavirus nonostante contatti con malati

I residenti dell’Isola del Giglio in Italia non hanno affrontato l’ira del coronavirus e dell’epidemia di COVID-19. Gli isolani che erano entrati in contatto con visitatori che erano stati infettati dal virus non hanno contratto la malattia. E la ragione dietro questo misterioso fenomeno è ancora sconosciuta. Paolo Muti, ricercatore oncologico e residente sull’isola, era pronto per un grave focolaio che si sarebbe verificato sull’isola dopo aver saputo che quattro visitatori che avevano contratto la malattia erano approdati sull’isola. Ma, con sua grande sorpresa, nessuno degli 800 abitanti dell’isola ha sviluppato alcun sintomo.

L’unico medico dell’isola per 40 anni, il Dr. Armando Schiaffino, era anche preoccupato per la malattia. “Ogni volta che una normale malattia infantile, come la scarlattina, il morbillo o gli attacchi di varicella si verifica in pochi giorni praticamente tutti si ammalano”, ha detto citato dai media locali.

Muti, professore di epidemiologia all’Università di Milano, era piuttosto curioso di sapere cosa stesse succedendo sull’isola. Il ricercatore è rimasto sbalordito dal fatto che i visitatori fossero entrati in stretto contatto con la gente dell’isola, ma che non era successo ancora nulla. Un uomo di 60 anni è venuto sull’isola per partecipare a un funerale e avrebbe tossito più volte durante la celebrazione delle esequie. Ha perso la vita tre settimane dopo, ma non è successo niente agli isolani che sono entrati in contatto con lui.

Sono stati segnalati anche altri casi che confermano che i visitatori malati sono comunque entrati in contatto con gli isolani. Ad aprile, 723 su 800 isolani sono stati sottoposti al test del sangue per accertarsi che non fossero infetti. La ricercatrice non è giunta a nessuna conclusione sul perché il virus non stia colpendo le persone sulla sua isola. Sta progettando di scrivere uno studio sull’argomento. Secondo Muti, gli isolani potrebbero non essere stati sufficientemente esposti al virus per essere infettati. Tuttavia, si è rivelato essere una benedizione per i residenti dell’isola che sono stati risparmiati da una delle malattie più mortali che il mondo sta affrontando in questi giorni.

Ti potrebbe interessare: Congedo COVID-19: fruibile fino al 31 agosto, dal 19 luglio anche in maniera oraria


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp