Coronavirus e sconto multe del 30% ora basta pagare entro 30 giorni, le novità

Per emergenza coronavirus le multe si potranno pagare con lo sconto del 30% entro 30 giorni considerando anche la proroga dei termini dal 10 marzo al 3 aprile 2020.

Tra le tante novità nel decreto cura Italia spunta anche lo sconto multe, la circolare del Ministero dell’Intero del 24 marzo ha comunicato che vi è la possibilità di pagare le multe con lo sconto del 30%  durante il fattore temporale per emergenza coronavirus, si potranno pagare entro trenta giorni. La normativa prima prevedeva che lo sconto del 30% si poteva pagare entro i cinque giorni dalla notifica della multa.

Emergenza coronavirus: sconto del 30% in 30 giorni

Per l’emergenza coronavirus la circolare prevede che lo sconto del 30% potrà essere applicato non più entro 5 giorni ma entro trenta giorni, inoltre, il conteggio dei trenta giorni viene sospeso dal 10 marzo al 4 aprile.

Se la situazione si normalizza sarà valida questa proroga, ma i tempi potrebbero allungarsi ulteriormente.

Non sono previsti sconti o proroghe per le infrazioni che comportano la confisca del veicolo o la sospensione della patente.

Rientrano nel congelamento dei termini di pagamento anche le notifiche di verbali e presentazioni dei ricorsi.

Da escludere, per il momento, i giorni tra il 10 marzo e il 3 aprile, sia per i novanta giorni o 360 giorni ammessi per notificare o 30/60 giorni per presentare ricorso.

Multe per mancato pagamento bollo

Negli ultimi tempi i lettori ci segnalano che sono arrivate multe per il mancato pagamento di bollo auto su auto non più in loro possesso. Questo accade per effetto della mancata iscrizione al P.R.A., il vecchio proprietario può essere chiamato a rispondere di tutte le conseguenze inerenti al possesso del veicolo, come in questo caso i bolli auto non pagati, ma anche danni provocati a cose e a persone, multe autostradali del Codice della Strada.

È possibile porre rimedi a questi spiacevoli eventi con una serie di provvedimenti: Trascrizione a tutela del venditore e Ricorso alla magistratura.

Abbiamo racchiuso tutte le informazioni e consigli in quest’articolo: 

⇒ Multa bollo auto su auto venduta, non va pagata: ecco cosa fare


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”