Coronavirus e vacanze: si potrà andare al mare? Si consiglia il turismo di prossimità

Come sarà la nostra prossima estate in piena Fase 2 dell’emergenza Coronavirus? Mare sì ma con le regole, si alla seconda casa, ma deciso NO agli affollamenti sulle spiagge.

Gli italiani, in quarantena da oltre un mese, con l’arrivo delle belle giornate iniziano a pensare all’estate, alle spiagge e alle vacanze. Come sarà la nostra estate quest’anno, reduci dalla fase 1 del coronavirus? Potremo andare al mare? Potremo permetterci di viaggiare?

Coronavirus ed estate

A premere in tal senso sono anche i titolari degli stabilimenti balneari che, impazienti, vogliono sapere cosa fare in proposito: se le vacanze saranno vietate tanto vale non preparare gli stabilimenti all’afflusso dei turisti (che in ogni caso, quest’anno, a causa della chiusura delle frontiere, saranno comunque di meno rispetto alle altre stagioni estive).

E’ in preparazione un decreto specifico che consentirà la riapertura degli stabilimenti balneari per consentire le prime operazioni di preparazione alla stagione estiva, ovvero manutenzione e pulizia dei lidi.

Lorenza Bonaccorsi in una recente intervista ha spiegato che non si vuol proibire agli italiani di andare al mare quest’estate ma che, in ogni caso, si dovranno rispettare le condizioni di sicurezza imposte e si sta lavorando in questo senso.

Fermo restando che chi ha una casa al mare potrà recarcisi in estate, si deve fare in modo che i turisti che affollano ogni anno le spiagge italiane non rappresentino un problema per la sicurezza di tutti gli altri e che non vadano a peggiorare la situazione, già di per se delicata.

Il consiglio è quello di scegliere mete vacanziere vicine alla propria residenza poichè le vacanze in riva al mare dovranno essere vissute con la massima prudenza e rispettando delle regole molto stringenti. In ogni caso anche se il governo darà via libera alla riapertura degli stabilimenti balneari, che vorrebbero iniziare la stagione già da giugno, il decreto conterrà solo delle linee guida che serviranno alle singole Regioni per attuare le proprie autonomie.

Potrà accadere, quindi, come già è successo per le librerie, che alcune regioni, magari le più colpite, possano stringere le maglie per evitare la diffusione del contagio.

Le regole per l’estate? Ci si sta lavorando e prevederanno sicuramente utilizzo della mascherina e distanziamento sociale.

L’obiettivo del Governo è quello di non ritrovarsi con folle di bagnanti sulle spiagge (scenario tipico dei mesi estivi) che possano far risalire la curva dei contagi.

Il Governo rassicura che chi ha una seconda casa, anche in un’altra Regione, potrà raggiungerla anche quest’estate (ma tutto dipende da come si evolverà la situazione).


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.