Coronavirus e vita sedentaria: nociva per il corpo e la mente

La vista sedentaria nel periodo che stiamo attraversando per emergenza coronavirus, rischia di compromettere il nostro stato di salute.

La vita sedentaria è nociva per il corpo e la mente. I moderni stili di vita o i particolari momenti che si possono attraversare, come l’odierno, hanno incrementato la nostra pigrizia con la conseguenza di compromettere la salute delle persone.

Malattie dovute alla sedentarietà e movimento fisico

L’accidia che, nei momenti di libertà dal lavoro, ha sempre più pervaso la nostra vita, è anche responsabile dell’ incremento nel mondo di gravi patologie che, come da dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, vanno dalle affezioni coronariche al diabete e all’obesità, propedeutica a sua volta di varie malattie, sino ad arrivare alle neoplasie del seno e del colon. La stessa Oms consiglia, per gli adulti dai 18 anni in avanti e privi di importanti patologie, di svolgere un’attività di intensità medio-alta per circa 20 minuti giornalieri mentre per bambini ed adolescenti si indicano, come tempi, almeno 60 minuti.

Importanza dell’attività fisica

Anche la mente viene danneggiata dall’inattività fisica: uno studio di scienziati americani è arrivato alla conclusione che la sedentarietà diminuisce il flusso di sangue al cervello, con particolare riferimento alle aree destinate alla memoria, incrementando il potenziale rischio dell’insorgenza dell’Alzheimer; aumentano anche i problemi dovuti all’ansia, psichiatrici o riferibili ad attacchi di panico; inoltre il corpo può entrare in “stand-by” con indebolimento della muscolatura e irrigidimento delle articolazioni.

Modalità della pratica sportiva e suoi benefici

Anche se non si è atleti amatoriali, si possono avere , comunque, delle sane abitudini utili per la nostra salute come, ad esempio, fare le scale e non usare l’ascensore, recarsi a lavoro a piedi o in bicicletta senza usare l’auto( e così abbassando anche il tasso di inquinamento atmosferico delle nostre città dovuto agli scarichi dei veicoli), facendo una passeggiata di almeno 15-20 minuti a passo svelto( magari per accompagnare fuori il cane); questi tipi di movimento sono importantissimi sia per smaltire calorie in eccesso e non farci appesantire sia per la neurogenesi, cioè la formazione di nuovi neuroni e connessioni, indispensabile come antistress a antiansia.

Attività fisica dannosa

È assolutamente da evitare la tendenza, oggi piuttosto diffusa per vari motivi, di concentrare l’attività fisica – magari di alta intensità – solo in un giorno alla settimana e per qualche ora continuativa(come, ad esempio, giocare a tennis); uno sforzo forte e concentrato nel tempo potrebbe portare alla repentina insorgenza di malattie in fase acuta come l’infarto.

Facciamo, quindi, del movimento fisico ogni giorno, compatibilmente con i nostri impegni e la nostra salute se ne gioverà.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Dott. Bruno Cotronei

Bruno Cotronei, magistrato emerito ha svolto per 37 anni l'attività giurisdizionale iniziando correnti di valutazione giuridica utilizzate ora anche dalle Alte Corti; studioso di storia e scienza dell'alimentazione ha approfondito ricerche, per la prima, sull'età contemporanea e,per la seconda,sulle fibre alimentari e la loro incidenza sul regime alimentare; cultore di sport e giornalismo è stato un atleta amatoriale e ha collaborato per molti anni con il Gruppo Editoriale Pellegrini di Cosenza.