Coronavirus: guarita ma il virus ritorna, primo caso di recidiva in Italia

Coronavirus: dopo il paziente uno c’è la recidiva uno

Attenzione per tutti quelli che sono guariti dal Covid-19: c’è il “caso uno” di recidiva in Italia. Si tratta di una donna milanese di origini cinesi, è ricoverata in provincia di Verona all’Ospedale Negrar e anche questa volta, come la prima, non presenta sintomi gravi.

Coronavirus: dopo il “paziente uno” ora c’è la “recidiva uno”

Purtroppo dopo il paziente uno c’è anche la recidiva uno, una giovane donna milanese di origine cinese che si è ammalata nuovamente di Covid-19. Era stata ricoverata una prima volta per un tampone positivo e dimessa dopo i due tamponi negativi. Dopo una decina di giorni di nuovo febbre e tosse, nuovo tampone, di nuovo positivo. La cosa che conforta è che entrambe le volte i sintomi sono stati leggeri.

La donna è adesso di nuovo ricoverata, per gli addetti ai lavori è un caso davvero raro, il primo in Italia: per ora si sa che solo in Cina ci sono dei casi simili. Fortunatamente la donna non è in condizioni gravi, occupa uno dei tanti posti letto di ricoverati non gravi, tanto che si parla del fatto che al primo tampone negativa potrebbero mandarla a casa.

Il caso si sta studiando e viene definito più unico che raro. Imedici stanno cercando di trovare delle risposte per far luce su questo rebus, si stanno facendo delle accurate analisi e verifiche sul genoma virale e solo quando si avranno gli esiti definitivi si potrà iniziare a capire qualcosa.

La donna è andata nello stesso ospedale che l’aveva ricoverata il 4 marzo e da cui, dopo una settimana, era stata dimessa con i risultati di due tamponi negativi. Ma, dopo 12 giorni dalla dimissione, la donna ha avuto gli stessi sintomi del primo contagio, febbre e tosse. Fatto il tampone è risultata di nuovo positiva e da lì la decisione di ricoverarla di nuovo e fare indagini più approfondite.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp