Coronavirus: i funzionari dell’intelligence degli USA ne erano a conoscenza da novembre

Almeno da novembre i funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti erano a conoscenza di un misterioso contagio che si stava diffondendo da Wuhan

I funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti erano a conoscenza di un misterioso contagio che si stava diffondendo da Wuhan in Cina, almeno da novembre. I dettagli di quello che ora è noto come coronavirus facevano parte del rapporto dell’intelligence di novembre del National Center for Medical Intelligence (NCMI), parte dell’agenzia di intelligence di difesa del Pentagono. Dunque L’intelligence americana sapeva che il virus si stava diffondendo a Wuhan. Il rapporto si basava sull’analisi delle intercettazioni di file e computer, insieme a immagini satellitari. Il rapporto era stato presentato come particolarmente importante in quanto la malattia avrebbe potuto costituire una minaccia per le truppe statunitensi di stanza in Asia.

Almeno da novembre i funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti erano a conoscenza di un misterioso contagio che si stava diffondendo da Wuhan

“Gli analisti avevano concluso che si poteva trattare di un evento catastrofico”, ha detto una fonte. “Sono stati poi informati più volte” presso la Defense Intelligence Agency, lo staff congiunto del Pentagono e anche la Casa Bianca. Dunque lo staff del pentagono e il governo americano sono stati sicuramente informati alla fine di novembre su l’epidemia visto che i militari avevano bisogno di prendere una posizione”, ha detto la fonte. A partire da novembre, i politici e i funzionari del governo federale e del Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca sono stati ripetutamente informati per tutto il mese di dicembre.

La spiegazione dettagliata della questione è stata pubblicata anche nel Briefing quotidiano del Presidente sulle questioni di intelligence, all’inizio di gennaio. Dall’uscita del rapporto NCMI a novembre, altri bollettini della comunità dell’intelligence hanno iniziato a circolare attraverso canali governativi riservati. Secondo quei bollettini, il governo cinese era consapevole che il contagio era fuori controllo, ma ha trattenuto le informazioni.

Quando al segretario alla Difesa Mark Esper è stato chiesto della questione, ha detto: “Non ricordo”. “Ma abbiamo molte persone che osservano questi fenomeni da vicino. Abbiamo il principale istituto di ricerca sulle malattie infettive in America, all’interno dell’esercito degli Stati Uniti. Quindi, la nostra gente che lavora su questi problemi era informata.

La comparsa di un nuovo ceppo di coronavirus nella città cinese di Wuhan è stata segnalata per la prima volta alla fine di dicembre. Da allora, la malattia Covid-19, causata dal nuovo coronavirus, si diffuse sia in Cina che all’estero. L’11 marzo, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l’ha dichiarata una pandemia globale. Come il 9 aprile, la malattia ha infettato oltre 1,5 milioni di persone in tutto il mondo e ucciso 88.505.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus in Cina 108 nuovi contagi, dato allarmante per una seconda ondata

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp