Coronavirus: ideato un sensore capace di rilevare il virus nell’aria

Scoperto un sensore che fiuta il coronavirus nell’aria, si potrà utilizzare nei luoghi affollati ed evitare il contagio, lo studio.

La pandemia da coronavirus ha creato una situazione insostenibile a livello economico e sanitario. Gli esperti corrono ai rimedi e in tutto il mondo è impegnato nella ricerca di un vaccino contro il Covid-19 e la cura per guarire le persone contagiate. Negli ultimi giorni i ricercatori del Politecnico federale di Zurigo del locale ospedale universitario e dell’Empa, il Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca di Dübendorf (ZH), ha comunicato di aver inventato un apparecchio in grado di rilevare la presenza del coronavirus nell’aria in breve tempo. Quest’apparecchio è ancora in fase sperimentale e sono ancora tanti i dubbi sulla sua concreta applicazione.

Coronavirus: un sensore capace di riconoscere il patrimonio genetico

Empa, l’istituto di ricerca che dipende dal Politecnico federale di Zurigo (ETH), all’inizio della settimana ha rilasciato una nota in cui specifica le caratteristiche tecniche dell’apparecchio: è composto da un sensore composto da nonoisole in oro su qui sono collocati recettori artificiali di DNA in grado di riconoscere il patrimonio genetico del SARS-CoV-2.

Gli esperimenti effettuati in laboratorio, hanno evidenziato che il sensore è stato capace di riconoscere il nuovo coronavirus (ossia SARS-Cov), in pochi minuti.

Il sensore è ancora in fase di studio

Gli studiosi avvisano che il sensore non è ancora pronto per essere utilizzato in vasta scala. Prima di poter procedere al suo utilizzo in luoghi affollati, come ad esempio una stazione ferroviaria, oppure in un aeroporto; bisogna perfezionarlo.

La strada, secondo gli esperti, è ancora lunga, ma ci sono buone possibilità di individuare in breve tempo il coronavirus ed evitare il contagio. Resta da capire effettivamente come fare, ad esempio: nel caso di rilevamento di  coronavirus in un ambiente ampio come la stazione ferroviaria, bloccano le persone e le mettono in quarantena? Tante le domande e pochissime le risposte. Resta comunque, se perfezionato, un utile strumento per prevenire il contagio e agire in tempi brevissimi.  


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”