Coronavirus: il mistero del basso numero di casi in Africa

Rimane il mistero sul basso numero di contagi di coronavirus in Africa, ecco quale potrebbe essere la spiegazione

Il primo caso di coronavirus africano è stato confermato in Egitto. 11 giorni dopo, il primo caso nell’Africa sub-sahariana è stato registrato in Nigeria dopo che un uomo italiano che aveva viaggiato nel paese dell’Africa occidentale era risultato positivo. Da allora, la curva di infezione dell’Africa ha mostrato uno schema anormale rispetto ad altri paesi come gli Stati Uniti, che hanno avuto il loro primo caso il 15 gennaio e all’inizio di marzo, solo 70 casi erano stati segnalati con test scarsi eseguiti all’epoca. Più di 1.000 morti sono stati segnalati nella superpotenza globale e in altri giorni ne hanno registrati più di 2.000. Il paese ha ora i 644.188 casi confermati e 28.579 morti, i più alti al mondo.

Rimane il mistero sul basso numero di contagi di coronavirus in Africa, ecco quale potrebbe essere la spiegazione

Tuttavia, questo non sta accadendo in Africa che ha avuto il suo primo caso solo un giorno prima degli Stati Uniti e fino ad ora ha un totale di 17.827 casi e 913 decessi per il coronavirus. Le cifre mostrano una media di 34 volte meno impatto del virus in Africa rispetto agli Stati Uniti sia nel numero di infezioni che di morti. L’Africa ha attualmente un totale di 17.827 casi Covid-19 (0,863 per cento dei decessi globali) e 913 decessi (0,66 per cento dei decessi globali) a causa del virus.

Il Sudafrica è in cima alla lista dei paesi più colpiti nel continente con un totale di 2.506 casi (il 14% del totale dei casi nel continente) e 34 decessi dal momento in cui il primo caso è stato segnalato il 5 marzo. Tuttavia, l’Algeria- uno dei i primi paesi sahariani a denunciare il caso Covid-19 ha il maggior numero di decessi per virus: 336 persone, il 37% delle morti totali nel continente e solo lo 0,24% delle morti globali.

Anche se gli impatti socio-economici di Covid-19 in Africa sono stati di gran lunga inferiori a quelli avvenuti in altri luoghi del mondo, molti esperti vedono il continente come una bomba a orologeria sul presupposto che il numero delle infezioni non sono un vero riflesso della situazione reale. Gli esperti sanitari prevedono anche che il continente sarà probabilmente il più colpito a causa della scarsa infrastruttura sanitaria, dell’alta densità di popolazione in insediamenti informali affollati, una popolazione sproporzionatamente colpita da HIV / AIDS, tubercolosi e altre malattie infettive che aumentano la probabilità di soccombere a covid-19.

Ti potrebbe interessare: Guardia di Finanza e Coronavirus: novità controlli, verifiche e ispezioni su riaperture

Al momento, il numero non ufficiale di test effettuati in Africa è inferiore a mezzo milione in un continente di 1,3 miliardi di persone. Il Sudafrica ha effettuato fino a oggi 90.515 test seguiti dal Ghana  che ha effettuato 50.719 test, Egitto 25.000 test, Tunisia 13.137 test, Marocco 10.392 test mentre gli altri paesi rimangono  sotto i diecimila test. La differenza di capacità nei test è visibile quando i numeri in Africa sono in contrasto con quelli degli Stati Uniti che hanno effettuato un totale di 3.261.611 un numero 7 volte superiore a  quello di tutto il continente africano.

Parlando con la giornalista della CNN Poppy Harlow l’11 aprile, Mellissa Gates, moglie dell’amministratore delegato Microsoft Bill Gates, ha dichiarato che “parte del motivo per cui i numeri dei casi non sembrano ancora molto negativi è perché loro (l’Africa) non hanno accesso a moltissimi test “. Dunque sarebbe questo il motivo del basso tasso di contagi del continente africano.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: un nuovo studio suggerisce che COVID-19 potrebbe essere passato dai cani agli umani


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp