Coronavirus: in arrivo un nuovo modulo di autocerficazione per gli spostamenti, le novità

Coronavirus: in arrivo un nuovo modulo di autocertificazione per gli spostamenti da appena tre giorni dal precedente, ecco le ultime novità.

Sono passati appena tre giorni dall’ultima pubblicazione del modulo di autocertificazione da utilizzare per gli spostamenti e le regole vengono nuovamente modificate. Ad annunciarlo il capo della Polizia Franco Gabrielli che avvisa ai cittadini che presto arriverà un nuovo modulo di autocertificazione che contiene le nuove regole restrittive dovute all’emergenza di contenimento contagio da coronavirus.

Il capo della polizia specifica che tra breve uscirà il nuovo modulo, ma non rileva il contenuto e le indicazioni che conterrà, precisa che: “non lo facciamo perché non sappiamo cosa fare ma perché cambiano le disposizioni e dobbiamo aggiornarle”.

Tanta l’ironia sul web ormai scatenato sui continui decreti e sui cambiamenti del modulo. La frase “un decreto al giorno toglie il medico di torno” non mancano le battute sul modulo di autocertificazione.

Nel frattempo che il nuovo modulo sia disponibile è possibile scaricare qui l’attuale modulo in vigore: Nuova autocertificazione Coronavirus: aggiornato il modulo per gli spostamenti


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”