Coronavirus: In Madagascar dicono di aver trovato una cura

Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina afferma che forse il suo paese ha trovato un rimedio per il coronavirus

Il Madagascar effettuerà test su un “rimedio” di origine vegetale per combattere il coronavirus, ha affermato il suo presidente. Il presidente Andry Rajoelina, 45 anni, ha rivelato in televisione mercoledì: “Ho ricevuto una lettera in cui si dice che il Madagascar possiede il rimedio che potrebbe – potrebbe” perché deve ancora essere provato – curare il coronavirus “.

Il presidente del Madagascar Andry Rajoelina afferma che forse il suo paese ha trovato un rimedio per il coronavirus

Ha detto che la lettera affermava che la pianta poteva “curare completamente il coronavirus” ma non forniva dettagli sulla pianta o sull’autore della lettera. I test sarebbero già partiti e gli scienziati e i laboratori del paese sono pronti a testare questo rimedio, ha detto. Rajoelina ha aggiunto: “Effettueremo test e sono convinto che il Madagascar troverà questo rimedio. “Stiamo per cambiare la storia di tutto il mondo.” Rajoelina in precedenza ha fatto affermazioni su trattamenti alternativi per il virus che hanno scatenato parole di cautela da parte dell‘Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite.

I dati ufficiali mostrano che 93 persone in Madagascar sono note per essere state infettate dal virus. Non ci sono decessi registrati. La pandemia ha scatenato una corsa alle formule a base di erbe, limoni e zenzero nella convinzione di poter proteggersi così dal coronavirus. Rajoelina il mese scorso ha incoraggiato l’uso di rimedi alternativi come mezzo per “rafforzare gli anticorpi” contro il coronavirus. All’epoca ha detto: “Faremo inalare ai pazienti gli oli essenziali di ravintsara e forniremo loro cibi ad alto contenuto calorico in combinazione con la medicina”.

Tuttavia, l’organismo sanitario delle Nazioni Unite ha sollecitato lo scetticismo sulle cure dichiarate per il COVID-19. Charlotte Faty Ndiaye, rappresentante del paese nell’OMS, ha dichiarato: “Il coronavirus non è un’influenza e gli antichi rimedi della nonna devono essere visti con dubbio. Il sito Web dell’OMS afferma che alcuni medicinali, compresi quelli occidentali e tradizionali, “possono fornire conforto e alleviare i sintomi” di COVID-19.

Aggiunge: “Non ci sono prove che la medicina attuale possa prevenire o curare la malattia” e avverte che le persone non dovrebbero auto-medicarsi. Rispondendo alle affermazioni secondo cui i rimedi a base di erbe o di tè possono curare il coronavirus, i Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC), hanno dichiarato: “Non esistono prove scientifiche del fatto che uno di questi rimedi alternativi possa prevenire o curare la malattia causata da COVID-19. “In effetti, alcuni di essi potrebbero non essere sicuri da consumare.”

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: da maggio la riapertura, ma l’estate potrebbe essere senza spiagge, bar e ristoranti


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp