Coronavirus: paura e ansia, ma contro chi combattiamo? La verità qual è?

Coronavirus e lotta contro un virus che non da pace, che infonde paura, qual è la verità? (Lettera aperta).

Per stare più vicini e sentirsi meno soli, in questo momento dove il Coronavirus ci ha isolato, abbiamo deciso in collaborazione con ALCASE Italia, di diffondere la nostra iniziativa:  “nessuno e solo” siamo tutti vicini anche se lontani. Per abbattere il muro della solitudine e dimostrare che nessuno è solo, pubblicheremo tutte  le lettere che ci invierete. Non abbiate timore di parlare, esporre situazioni  di tensione… Ogni vostro pensiero, voi lo sapete, per noi  è importante. Vi proponiamo le lettere di Filomena, Paolo e Serena.

Coronavirus: contro chi combattiamo, qual è la verità?

Carissimi,
Un grazie di cuore a tutti voi che non solo avete aperto una porta ma ci siete vicini con il cuore
Ciò che sta accadendo nel mondo fa paura a tutti ma la cosa che spaventa di più sono non solo notizie allarmanti ma io credo che ci siano tante verità nascoste. Noi malati di cancro conosciamo il nostro nemico e con le armi a disposizione cerchiamo di lottare per vivere, ma adesso c’è l’impotenza totale nel sapere di non poter ricevere alcun soccorso.

Deve essere terribile arrivare nella terapia intensiva e sentirsi dire con lo sguardo non c’è più nulla da fare… Certo noi malati di cancro con questa realtà ci viviamo ogni giorno, ma così è inaccettabile… Pensare a quei figli che si vedono portar via un genitore e loro costretti a restare a casa, per giunta in quarantena senza sapere cosa può accadere.

Noi malati siamo molto più esposti e l’ansia e la paura sono raddoppiate ma, nonostante tutto, con un sorriso, con voce calma e mandando giù un bel po’ di lacrime, quando arriva la videochiamata della nipotina e dei figli, si gioca, si ride e si dice che non molliamo e ce la faremo.

Poi senti il bollettino di guerra, ti informano di aiuti che arrivano da tutto il mondo e solo da noi e ti chiedi “Ma cosa c’è sotto? La verità qual è?”

Un abbraccio e grazie ancora

Filomena

Un piccolo virus schifoso potrebbe portarmi via

In questo periodo molto pericoloso per noi portatori di “Bestie” vorrei solo fare una considerazione.

Se c’è una cosa che mi darebbe tanto fastidio, è che, se fino ad oggi da circa 4 anni a questa parte sono riuscito a tener testa alla Bestia terribile che ho in corpo, un piccolo virus schifoso potrebbe portarmi via!
Teniamo duro anche a questo mostro e forza a tutti.

Paolo

Buonasera,

Coronavirus: il problema nel problema

Vi sono davvero grata che vi occupiate di un problema nel problema, spesso un dramma nel dramma, che oggi è spesso trascurato.
È giusto moltiplicare la disponibilità di ospedali e reparti ospedalieri, ma speriamo che non lo si faccia a scapito dei  malati oncologici, di chi deve subire interventi urgenti, oppure dei malati cronici o con malattie rare, lo dico da Parkinsoniana e moglie di un malato oncologico.

Grazie.

Serena


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Se anche tu vuoi scrivere la tua opinione su qualsiasi argomento scrivi a notizieora.it@gmail.com
La tua lettera sarà vagliata dalla redazione e, se ritenuta idonea, pubblicata.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”