Coronavirus: potrebbe provocare anche ictus

Il coronavirus favorirebbe l’insorgere di ictus e coaguli di sangue anche in pazienti giovani e sani

Mentre sempre più persone nel mondo sono infettate da Covid-19, stiamo imparando che il nuovo coronavirus può non solo causare gravi malattie respiratorie, ma può anche attaccare praticamente tutti i principali organi del nostro corpo. E ultimamente i medici hanno lanciato l’allarme per un nuovo risultato inquietante: coaguli di sangue e ictus, possono colpire anche i giovani sani senza fattori di rischio noti e talvolta senza nessun altro sintomo del virus. Un rapporto del 28 aprile del New England Journal of Medicine descrive in dettaglio i casi di cinque persone, di età compresa tra 33 e 49 anni, a New York City che avevano avuto ictus e successivamente si sono rivelate positive per Covid-19. Tutti hanno avuto ictus fuori dall’ospedale prima di sperimentare altri gravi sintomi del virus.

Il coronavirus favorirebbe l’insorgere di ictus e coaguli di sangue anche in pazienti giovani e sani

“È stato molto sorprendente vedere l’aumento di questi ictus nei giovani” , dice a Vox Thomas Oxley, un neurochirurgo dell’ospedale Monte Sinai a New York e coautore del nuovo rapporto. Il tasso di vittime di ictus in pazienti di età inferiore ai 50 anni è sette volte più alto di prima della pandemia. I coaguli di sangue stanno causando anche altri problemi imprevisti per i pazienti Covid-19. Ad esempio, all’attore di Broadway Nick Cordero, che è stato ricoverato in ospedale da marzo con grave Covid-19, è stata amputata la gamba destra all’inizio di questo mese dopo che i medici non sono stati in grado di curare i coaguli di sangue.

E molti pazienti stanno sviluppando piccoli coaguli nei polmoni, riducendo la quantità di ossigeno che possono spostare nei loro corpi. Per altri, il loro sangue sta ostruendo le macchine per dialisi. “Sono un ematologo, e questo è senza precedenti”, afferma Jeffrey Laurence del Weill Cornell Medical College, che è stato sul campo per tre decenni. “Questo non è come una malattia che abbiamo visto prima.” Quasi ogni paziente che ho visto per disturbi del sangue nell’ultimo mese e mezzo ha avuto Covid-19. “Non ho mai avuto così tanti consulti in vita mia. Queste persone stanno coagulando e non riusciamo ad aiutarli. ”

Medici e ricercatori stanno correndo per capire perché ciò sta accadendo e come potrebbero essere in grado di utilizzare al meglio le terapie esistenti, come fluidificanti del sangue, per curare i pazienti. I coaguli e gli ictus si aggiungono anche all’elenco dei potenziali sintomi che alcune persone con Covid-19 potrebbero manifestare all’inizio – e fornisce un’altra possibile ragione per cui il numero di decessi correlati al coronavirus nel paese sembra essere molto più grande di quelli ufficialmente conteggiati negli ospedali.

Ti potrebbe interessare: Colesterolo: cambiare stile di vita per evitare il rischio di infarto o ictus


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp