Coronavirus, un’app permette di conoscere in tempo reale il numero dei contagiati

In Cina è stata realizzata un’applicazione capace di tracciare la localizzazione dei contagiati dal Coronavirus e chi rischia di esserlo.

Anche la tecnologia scende in campo contro il Coronavirus, sostenendo soprattutto chi ancora non l’ha contratto. Un progetto, questo, che permette di consentire a chiunque voglia di conoscere in tempo reale la situazione dei contagiati dal Coronavirus e addirittura chi rischia di esserlo. Si tratta di un’applicazione Made in China, la quale sfrutta un servizio erogato dal governo cinese con la quale è possibile sapere in modo istanteneo chi e quanti siano stati contagiati o siano stati a contatto con persone contagiate nello specifico. Infatti, tale applicazione permette di fare ciò usufruendo del database di autorità sanitarie e trasporti, al fine di creare una sorta di mappa sempre aggiornata sulla situazione.

Coronavirus, l’applicazione che permette di conoscere i contagi in tempo reale

Funziona come una normala app e, quindi, bisogna solo scaricarla, senza chiedere permessi o altre richieste specifiche. In seguito, dopo aver effettuato la registrazione, bisognerà rispondere ad un questionario il quale permetterà di capire se si è a rischio di contagio.

Una volta fatto questo, con l’applicazione si potrà dare uno sguardo alla localizzazione di coloro che o hanno già contratto il Coronavirus o gli altri che possono richiare di contrarlo.

Qualora i risultati risultassero positivi, essi rileveranno le diverse situazioni in cui si ha potuto contrarre il virus: scuola, aereo, luogo di lavoro ecc.

Si tratta di un progetto tutto cinese di cui non si conosce ancora se vi sia la possibilità o meno di farlo approdare anche in Italia o in altri paesi colpiti dal Coronavirus.

Un’applicazione di tale genere, la quale porta in modo immediato tutte le informazioni delle persone contagiate o che rischiano, non ha badato alla privacy altrui.

Infatti, l’applciazione è stata fortmente voluta dal governo cinese, il quale ha permesso l’utilizzo del GPS, di tutte le informazioni raccolte sui social e addirittura di l’interpolazione con le banche dati sanitarie per rendere più chiaro l’andamento del Coronavirus ed ogni sua traccia.

 

Leggi anche:

Coronavirus, cosa fare se si è pendolari


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.