Correre con le cuffie è vietato, ecco perchè

Correre senza cuffie è vietato lo ha stabilito il Tribunale di Modena e il codice della strada, ecco perchè…

Correre con le cuffie è vietato, ma perchè? La questione è nata in un’aula di tribunale,  la sentenza del tribunale di Modena ha assolto un’automobilista che nel 2011 investì, causandone la morte, un runner, era  “sbucato tra due cassonetti della spazzatura in modo imprevedibile”, l’uomo investito non si accorse della macchina in arrivo a causa  delle cuffie che gli impedivano di ascoltare i rumori esterni. Dopo questa sentenza, il codice della strada stalisce nuove regole per evitare danni ai pedoni che amano camminare, correre e ascoltare la musica con le cuffie.

Cosa stabilisce il codice della strada

Il codice della strada vieta di utilizzare apparecchi radiotelefonici quando si è alla guida di autoveicoli o biciclette, diversamente è consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare, purché il conducente abbia adeguate capacità uditive da entrambe le orecchie.

Nel caso specifico i runner,  quando non si trovano sui marciapiedi o le banchine e non si comportano come pedoni, anche per loro -su strada- scatta lo stesso comportamento previsto per chi guida un auto.

Dopo questi chiarimenti, è consigliato agli amanti della musica e della corsa di farlo in parco ed evitare la strada.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”