Corrispettivi giornalieri telematici: chi è obbligato a partire dal 2020?

Obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri dal 1° luglio 2019, esoneri che consentono di rinviare l’obbligo al 2020.

In vista del prossimo obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri dal 1° luglio 2019, è necessario verificare eventuali esoneri che consentono di rinviare l’obbligo al 2020.

Esonero corrispettivi giornalieri telematici

Infatti, risultano esonerati i soggetti che svolgono:

  • operazioni non soggette all’obbligo di certificazione dei corrispettivi;
  • prestazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione ed elettronici rese a committenti che
    agiscono al di fuori dell’esercizio d’impresa;
  • prestazioni di trasporto pubblico collettivo di persone per le quali i biglietti di trasporto assolvono la
    funzione di certificazione fiscale;
  • operazioni effettuate a bordo di mezzi di trasporto nel corso di un trasporto internazionale;
  • operazioni classificabili come marginali perché di ammontare non superiore all’1% del volume d’affari complessivo;
  • operazioni con particolari soggetti individuati, quali Regioni, Province, Comuni e consorzi, comunità montane, Ipab, enti di previdenza, aziende sanitarie locali.

Inoltre, sono esonerati anche gli enti obbligati alla tenuta della contabilità pubblica.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”