Cos’è il kefir, un alimento molto antico per il tuo benessere

Il Kefir è un alimento molto antico e che viene da una zona molto lontana del nostro pianeta. Facile da preparare, ha molte funzioni benefiche e non solo.

Non tutti conoscono cosa sia il Kefir e quali sostanze abbia e a cosa possa servire. Ultimamente, è tornato sulle “scene” e sembra piacere a numerose persone. Prima di convertirsi a questa bevanda e permetterle di entrare a far parte della nostra vita, scopriamo cos’è e a cosa può servire.

Cos’è il Kefir?

Il kefir è un alimento originario dell’Europa orientale e dell’Asia sud-occidentale. Il suo nome deriva dalla parola turca keyif, il cui significato è “sentirsi bene dopo aver mangiato”.

Kefir, inoltre, è il termine che viene usato per indicare due cose: sia l’insieme di microrganismi usati per fare il kefir che la bevanda kefir stessa. I primi sono formati da colture di lievito e batteri lattici, alla vista sono grani bianchi che assomigliano al cavolfiore.

I grani di kefir devono essere aggiunti al latte di mucca o di capra, così i microrganismi fanno fermentare gli zuccheri nel latte, dando origine alla bevanda di kefir.

Per la fermentazione ci vogliono 24 ore, quando poi il processo è finito, è possibile rimuovere i grani di kefir per usarli di nuovo e ottenere più kefir.

Quali sono le proprietà del Kefir?

Esso può essere usato per diversi motivi, come ad esempio:

Problemi digestivi

Dato che il kefir contiene microrganismi vivi che si depositano nell’intestino, essi aiutano a mantenere l’equilibrio dei batteri intestinali.

Un analogo comportamento ha lo yogurt, ma comunque consigliamo il kefir dato che contiene ancora più probiotici dello yogurt.

Osteoporosi e salute delle ossa

Si tratta di una malattia diffusa nei paesi occidentali, che è caratterizzata dal deterioramento del tessuto osseo ed è molto comune nelle donne anziane.

Il Kefir, dato che è prodotto con latte ricco di grassi, risulta quindi un’ottima fonte di calcio e vitamina K2, che sono fondamentali per mantenere la salute ottimale delle ossa e ritardare lo sviluppo dell’osteoporosi.

Infezioni batteriche

Dato che presenta una grande quantità di probiotici, il kefir è in grado di difenderci contro alcune infezioni causate da batteri.

Il suo unico probiotico, il Lactobacillus kefiri, è in grado di prevenire la crescita di batteri nocivi come H. pylori, Salmonella ed E. coli

Asma e allergia

Attraverso alcuni studi effettuati sugli animali, il kefir potrebbe migliorare i sintomi di allergia e asma.

Come si prepara il Kefir?

Si può trovare il Kefir tranquillamente nei supermercati e in altri negozi di alimentari, ma se si vuole, lo si può fare direttamente a casa.

In questo secondo caso bisogna avere 1 o 2 cucchiai di chicchi di kefir, un contenitore con un coperchio 2 tazze di latte, preferibilmente puro e naturale al massimo.

Per lo svolgimento bisogna fare così: mettere i grani di kefir nella ciotola e aggiungere quindi il latte, in modo da non riempire interamente il contenitore, lasciando due o tre centimetri liberi.

Se si preferisce una versione più densa di kefir, si può aggiungere una crema ricca di grassi. Poi si copre e si lascia riposare tra 12 e 36 ore a temperatura ambiente.

Una volta che il composto arrivi ad avere una consistenza grumosa, si passa a filtrare il liquido per separare i chicchi di kefir dalla bevanda.

Ci sono delle controindicazioni?

C’è da dire che tra le note dolenti del Kefir c’è la possibilità di stitichezza e crampi, anche se sembrerebbe non riportare problemi almeno per la maggior parte degli adulti che lo prendono per 6 mesi.

Per quanto riguarda i bambini, si raccomanda che quelli di almeno 1 anno di età lo prendano per via orale per un massimo di 10 giorni consecutivi.

Altra preoccupazione potrebbe esserci per le persone con un sistema immunitario indebolito dato che il Kefir contiene batteri e lieviti che crescono attivamente e che potrebbero favorire lo sviluppo d’infezioni.

Quindi, diciamo che la dose appropriata dipende da diversi fattori come l’età della persona, il suo stato di salute, ecc. pertanto, vi consigliamo di parlare con un medico prima di iniziare ad assumere del Kefir.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.