Crampi notturni, come prevenirli e curarli

Svegliarsi la notte di soprassalto per un problema molto doloroso e fastidioso che può essere un crampo: ecco come prevenirli e curarli.

Purtroppo a molti soggetti può capitare di svegliarsi la notte di soprassalto per un problema molto doloroso e fastidioso che può essere un crampo, quasi sempre può prendere la gamba e in particolare il polpaccio. Per prevenirli si consiglia di fare una leggera attività fisica, utile molto per chi ha una vita sedentaria. Basta una passeggiata di mezz’ora, un poco di bici o lievi allungamenti muscolari. Da non sottovalutare l’idratazione, le scarpe che usate e la posizione di quando dormite, ottimo sarebbe dormire di fianco con un cuscino tra le gambe. Per curarli basta massaggiare delicatamente la parte dove vi fa male così da allungare il muscolo e allentare la tensione, fare un bagno caldo e bere un sorso di aceto di mele.

Vediamo le cause e i suggerimenti per trattare e prevenire i crampi notturni

1)Vita sedentaria: sedersi con le gambe accavallate tenendo le dita dei piedi in tensione, può ridurre il flusso sanguigno, accorciare i muscoli e renderli più vulnerabii.

2)Malattie neurodegenerative e cambiamenti del corpo: invecchiamento, danni alla regione lombare, al midollo spinale o nelle gambe possono provocare i crampi. Le donne in gravidanza ne soffrono di più.

3)Piedi piatti: archi plantari più piccoli del normale possono causare un allungamento eccessivo dei muscoli delle gambe e conseguente dolori.

4)Alcuni farmaci: possono provocare crampi quelli per pressione arteriosa, cure dimagranti e contraccezione.

5)Diabete, insufficienza renale: tiroide, malattie renali, cardiovascolari, diabete ed epatiche, tutte possono essere causa di crampi.

6)Sforzi eccessivi: attenzione, questo può provocare crampi, gli atleti lo sanno bene.

7)Cambiamenti strutturali: la riduzione del flusso sanguigno o della connettività nervosa nelle gambe, può rendere più soggetti al disturbo.

Gambe, caviglie e piedi gonfi: sintomi da non sottovalutare, potrebbe essere il cuore


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp