Cumulo gratuito dei contributi: a quale gestione va richiesto?

Presso quale ente si presenta la domanda di cumulo dei contributi gratuito per ottenere un’unica pensione in caso di diverse casse contributive?

Buongiorno,  desidero esternarvi i miei complimenti per la chiarezze e completezza delle risposte da voi fornite   ai quesiti posti da tanti cittadini sempre piu’  ” disorientati “(eufemismo) dalla giungla di normative in materia pensionistica. A tal proposito   desidero cortesamente sapere, atteso che tra circa 7 mesi dovrei andare in pensione di vecchiaia ( sono del 52  e compio 66 anni e 7 mesi il 4 gennaio 2019 con 42 anni di anzianità contributiva)   se il cumulo dei contributi va richiesto anche se questi sono stati versati in gestioni diverse facenti capo ad INPS. Nel mio caso prima dipendente settore privato, poi autonomo in quanto titolare d’impresa commerciale e parasubordinati (solo ai fini del calcolo dell’assegno in quanto coincidente come periodo. Ed eventualmente si,  a quale gestione deve essere richiesto. Ho telefonato diverse volte al numero verde INPS ed e’ sconfortante l’ignoranza sulla materia. Ho dovuto spiegare io la differenza tra totalizzazione e cumulo.  Ringraziando anticipatamente per l‘attenzione che dedicherete alla mia richiesta porgo, distinti saluti. 

 

Innanzitutto, anche se non mi piace essere portatrice di brutte notizie, mi duole annunciarle che compiendo i 66 anni e 7 mesi il 4 gennaio sarà soggetto all’aumento dell’età pensionabile di 5 mesi per effetto dell’adeguamento alla speranza di vita che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2019 e, quindi, potrà accedere alla pensione di vecchiaia solo al compimento dei 67 anni.

Detto questo passiamo alla sua domanda.

Cumulo gratuito dei contributi: a quale gestione?

Il cumulo gratuito dei contributi si presenta contestualmente alla domanda di pensione. La pensione in regime di cumulo, infatti è attivata su domanda dell’interessato e va presentata presso l’ente in cui è stata accreditata l’ultima contribuzione. La pensione, poi, unica, sarà liquidata dall’INPS con un unico assegno (anche se la domanda è stata presentata presso altro ente grazie a convenzioni stipulate tra l’istituto e le altre Casse di riferimento). L’importo della pensione, invece, sarà determinato dalla somma delle diverse pensioni ognuna determinata secondo i criteri degli enti coinvolti nel cumulo in rapporto ai contributi versati in ognuno e alle rispettive regole di calcolo.

La pensione è erogata il primo giorno del mese successivo a quello in cui è stata presentata domanda.

 

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.