Cumulo gratuito dei periodi assicurativi per la pensione, tutto quello che devi sapere

Cumulo gratuito dei contributi per accedere alla pensione, ecco perchè conviene e come fare domanda, tutte le indicazioni.

Il cumulo gratuito dei periodi assicurativi consente di cumulare tutta i periodi assicurativi versati in diverse casse previdenziali, comprese le casse professionali in un’unica cassa per permette di perfezionare il requisito contributivo richiesto dalla varie pensioni news in vigore nel 2020. Sono tre le possibilità che permettono l’unione dei contributi versati in varie casse, precisamente: cumulo, totalizzazione e ricongiunzione. 

Cumulo gratuito contributivo dei periodi assicurativi

Con il cumulo il lavoratore ha la possibilità di valorizzare i contributi versati nel sistema misto, interamente a titolo gratuito, senza il costo degli oneri accessori presenti nella totalizzazione e senza dover sottoporre la propria contribuzione al calcolo del sistema contributivo, che in alcuni casi può risultare penalizzante. Un altro vantaggio il lavoratore non è soggetto a finestre mobili, previste nella totalizzazione. 

Chi può fare domanda

Possono accedere al cumulo contributivo, tutti i lavoratori che hanno versato contributi in diverse gestioni previdenziali, che permettono di maturare il diritto per la pensione di vecchiaia, anticipata, ecc.

A partire dal 1° gennaio 2017, possono esercitare il diritto di cumulo gratuito dei contributi maturati, i lavoratori dipendenti, autonomi, iscritti alla Gestione Separata e altre forme esclusive e sostitutive dell’assicurazione obbligatoria (A.G.O), i liberi professionisti iscritti alle Casse di Previdenza. 

Per poter accedere al cumulo necessità che il lavoratore non sia titolare di un trattamento pensionistico. Da precisare che il cumulo non può essere parziale, inoltre, i contributi non devono essere coincidenti. 

Come presentare la domanda

La richiesta di cumulo si attiva presentato la domanda dall’interessato presso l’ente previdenziale dove risulta accreditata l’ultima contribuzione. Il lavoratore ha possibilità di scelta della cassa in cui far confluire i contributi, solo se all’atto della domanda risulta attivo su due casse contemporaneamente e versa regolarmente i contributi. 

Alla verifica dei contributi da parte dell’ente, la pensione sarà unica ed erogata dall’Inps con un unico assegno pensione. 

Come chiarito dall’Inps il cumulo può essere richiesto anche dal lavoratore che ha attivato la ricongiunzione e sta già pagando. In questo caso deve chiedere eventualmente la restituzione dei quanto pagato, a patto che: l’importo dovuto per la ricongiunzione non sia stato versato integralmente; la pensione derivante dalla ricongiunzione non deve essere stata ancora liquidata. 

Anche coloro che hanno presentata domanda di totalizzazione, in questo caso il lavoratore deve rinunciare alla totalizzazione solo se il procedimento non sia concluso.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”