Daria Bignardi per la prima volta parla del tumore al seno che ha avuto

Daria Bignardi racconta del suo tumore al seno in una lunga intervista a Vanity Fair.

Daria Bignardi non aveva mai parlato del tumore al seno che aveva avuto perchè, spiega  per la prima volta su Vanity Fair “Chi è ammalato considera la propria malattia il centro del mondo, quando guarisci volti pagina e non hai più voglia di parlarne”.

Prima conduttrice storica del Grande Fratello, una delle giornaliste più apprezzate, Daria Bignardi racconta in una lunga intervista su Vanity Fair la sua esperienza diretta con il tumore, in occasione dell’uscita del suo romanza “Storia della mia ansia” lo scorso 20 febbraio.

Daria Bignardi e il suo percorso

Il romanzo non è un libro sulla malattia ma una storia d’amore “Il cancro è solo un evento che lo attraversa. Chi è ammalato considera la propria malattia il centro del mondo, ma anche se ho rispetto per chi sta soffrendo in questo momento, parlare pubblicamente della malattia in generale, o peggio ancora della mia, non mi interessa. Per tanti motivi: un po’ per pudore, un po’ per paura della curiosità o della preoccupazione degli altri, un po’ perché quando guarisci volti pagina e non hai più voglia di parlarne ancora. Ho superato una malattia seria, ma al tempo stesso molto comune. Si ammalano milioni di donne, a cui va tutto il mio affetto.” Racconta la giornalista.

La scoperta del tumore al seno arriva con una mammografia di controllo. Iniziano le chemioterapie per curarsi e subito dopo la proposta di Campo Dall’Orto per dirigere Rai3. Dopo la guarigione accetta ma si presenta ai palinsesti con un nuovo look: capelli corti e grigi che molti definiscono “look horror”. Alla nomina, poi sono seguite le dimissioni con l’addio di Antonio Campo Dall’Orto alla Rai.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.