Dazi sul made in Italy: colpiti prosciutto, parmigiano e pecorino

I dazi introdotti dagli Stati Uniti sul made in Italy rischiano di provocare grossi danni alla nostra economia.

L’Organizzazione mondiale del commercio lo scorso giovedì ha stabilito che gli Stati Uniti potranno imporre dazi sulle merci provenienti dall’Unione Europea. I dazi partiranno dal 18 ottobre 2019 e colpiranno prodotti tecnologici e agro alimentari.

Dazi sul made in Italy

Il Regno Unito e la Francia si vedranno applicare i dazi USA su prodotti del settore aeronautico mentre l’Italia sarà compita con dazi sui prodotti del settore agro alimentare.

I Dazi che colpiranno l’Italia, quindi, sono limitati ad una serie di prodotti caseari e su alcuni salumi (colpiti parmigiano, pecorino e prosciutto).

I Paesi del consorzio AIRBUS, invece, saranno soggetti a dazi che riguardano altri generi alimentari, come olio e vino che per l’Italia non saranno tassati, abbigliamento e altri beni di consumo.

Perchè per l’Italia l’introduzione dei dazi potrebbe essere un problema? Alcune merci hanno negli USA uno dei principali mercati e il prodotto che rischia di subire il danno maggiore potrebbe essere il Parmigiano Reggiano di cui gli USA sono il secondo mercato estero dopo la Francia. L’introduzione delle tariffe con rincari farebbe salire il prezzo del prodotto a circa 60 euro al chilogrammo (mentre ad oggi è venduto a circa 60 dollari). Le perdite stimate dal Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano sono di circa il 90% del giro di affari USA.

Lo stesso Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio italiano, ha definito il problema dei dazi molto serio poichè “L’Italia si rende perfettamente conto che c’è una tensione commerciale a livello globale e sicuramente la prospettiva di questo confronto sui dazi tra Stati Uniti e Unione Europea e non può non considerare che noi siamo coinvolti come Unione Europea. Però confidiamo di poter ricevere attenzione da parte di un nostro tradizionale alleato, gli Stati Uniti, su quelle che sono alcune nostre produzioni che riteniamo veramente strategiche nell’ambito del commercio internazionale”.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.