Decreto Rilancio: ecco le novità per i concorsi nella pubblica amministrazione

Pubblicato il decreto Rilancio (decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020). Ecco le principali novità riguardanti i concorsi.

Nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 128 del 19 maggio 2020 è stato pubblicato il Decreto legge n. 34, detto decreto Rilancio contenente “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Tante sono le novità presenti per il pubblico impiego. Oggi vedremo quelle riguardanti le procedure concorsuali.

Decreto Rilancio e concorsi pubblici: artt. 247-262

Pubblicato finalmente il nuovo decreto legge n. 34/2020, il cosiddetto decreto Rilancio. Tante sono le novità presenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia. In questa sede ci occuperemo degli articoli riguardanti i concorsi nella pubblica amministrazione.

Come sappiamo, il decreto legge n. 18/2020, noto con decreto Cura Italia, ha stabilito la sospensione dei concorsi e delle relative selezioni per 60 giorni, ovvero fino al 16 maggio.

Quindi, la pubblicazione del decreto Rilancio, stabilisce non solo che i concorsi ora possono ripartire, ma che, come segnalato in un articolo precedentemente, sono presenti alcune novità che riguardano soprattutto le nuove procedure concorsuali.

Per conoscere i concorsi e tutte le offerte di lavoro attualmente in scadenza vi consigliamo di consultare la nostra Categoria: lavoro.

Ecco le principali novità

Le principali novità che riguardano i concorsi nella pubblica amministrazione li troviamo negli articoli 247-262. Nello specifico:

1)gli articoli da 247 a 249 riguardano soprattutto la semplificazione e lo svolgimento dei concorsi, per il reclutamento del personale non dirigenziale, in modalità decentrata e telematica. Queste norme si riferiscono, sia ai concorsi da pubblicare, sia per le procedure concorsuali già bandite e per le quali è stata effettuata già una prova d’esame prima della sospensione. Inoltre, le prove scritte saranno svolte, se possibile, presso sedi decentrate e in modalità telematica, mentre le prova orale in videoconferenza. Queste norme saranno valide fino al 31 dicembre 2020.

2)invece, negli articoli 250-262 sono descritte le disposizioni per la velocizzazione dei concorsi e per la conclusione delle procedure sospese. Infatti, in queste norme si stabilisce che entro il 30 giugno la Scuola nazionale dell’amministrazione bandisce il corso-concorso per la formazione dirigenziale della durata di 10 mesi. Gli articoli successivi, trattano dei concorsi in modalità straordinaria presso il ministero della salute, della giustizia, compreso quello per magistrato e notarile, del personale della Corte dei conti, dei vigili del fuoco e delle forze armate. Infine, si parla delle procedure di assunzione nel Dipartimento della protezione civile e nel ministero dell’economia e finanze.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp