Decreto semplificazione: rottamazione ter, stralcio debiti, sanzioni CAF e professionisti, le novità

Decreto semplificazione con tantissime novità: rottamazione ter, stralcio debiti, sanzioni CAF e professionisti, Fondo Imu e Tasi.

Decreto Semplificazioni, sintetizziamo le modifiche previste:

I carichi inclusi nella rottamazione-bis per i quali non si è rispettata la scadenza del 7.12.2018 sono ammessi alla rottamazione-ter, con pagamento da effettuarsi in 10 rate, di cui 2 in scadenza nel 2019 e le altre 8 in scadenza negli anni 2020 e 2021. La definizione delle risorse comunitarie si paga in 18 rate, di cui 2 nel 2019 e le restanti 16 in 4 rate annuali di pari importo.

Istanza di stralcio

Le persone fisiche che presentano istanza di stralcio senza averne i requisiti, in caso di affidamenti definibili, sono ammessi d’ufficio alla rottamazione-ter. In tal caso, il debito si paga in 17 rate (la prima entro novembre 2019 e il resto in 4 quote annuali per i 4 anni successivi). In caso di carichi inclusi nella rottamazione-bis non perfezionata, il pagamento deve avvenire in 9 rate, di cui la prima entro novembre 2019 e il resto in 4 rate annuali nel 2020 e 2021.

Sanzioni per CAF e professionisti

Sanzioni da 250 a 2.500 euro per Caf e professionisti che appongono visti di conformità infedeli sulle dichiarazioni dei redditi. Aumenta il costo della correzione spontanea, che sarà pari a 1/3 del minimo, senza gli attuali sconti previsti per il ravvedimento (fino a 1/10). Sospensione dell’attività da uno a 3 anni in caso di violazioni ripetute, applicabile anche in caso di definizione agevolata e con revoca in
caso di recidiva. Soppressa la responsabilità degli intermediari per la maggiore imposta dovuta dai contribuenti in caso di errori sul 730: Caf e professionisti resteranno responsabili solo della sanzione.

Tenuta della contabilità

Autorizzazione alla tenuta della contabilità in modalità informatiche da parte degli operatori economici:

  • con una modifica all’art. 7, c. 4-quater del D.L. n. 357/1994 è consentito ai contribuenti di digitalizzare
    non più soltanto i registri degli acquisti e delle fatture (ex artt. 23 e 25 D.P.R. n. 633/1972), bensì “qualsiasi registro contabile, con sistemi elettronici e su qualsiasi supporto”.

A fronte della semplificazione l’impresa o il professionista dovrà essere in grado di produrre i documenti aggiornati e stampati in caso di richieste, accessi o verifiche da parte degli organi di controllo.

Fondo Imu – Tasi

Ripristino a 300 milioni e applicabilità anche alla spesa corrente del fondo Imu-Tasi. Facoltà di spalmare su 5 anni i buchi di bilancio derivanti dallo stralcio delle cartelle fino a 1.000 euro. Nuovo rinvio degli obblighi (in via di superamento) di gestione associata delle funzioni da parte dei mini-enti. Estensione degli alleggerimenti contabili a favore di Comuni e loro forme associative che approveranno il bilancio entro il 28.02.2019. Prorogato al 30.12.2019 il termine di rimborso delle anticipazioni sbloccapagamenti, al momento fissato al 15.12.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”