Decreto sicurezza, carcere per i parcheggiatori abusivi

Il decreto sicurezza prevede l’arresto di chi esercita l’attività di parcheggiatore abusivo impiegando minori oppure sia recidivo

Erroneamente a come si pensa, il decreto sicurezza promosso dal Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, non va contro solo nei confronti di immigrati, richiedenti asilo e rifugiati. Ma sono soggetti di tale emendamento anche dei personaggi che incontriamo ogni giorno e che sono per lo più italiani. Stiamo parlando dei  parcheggiatori abusivi , che rischiano pesanti sanzioni, non solo pecuniarie.
A trattare la tematica delle sanzioni ci pensa il maxi emendamento interamente sostitutivo del ddl di conversione del decreto-legge n. 113/2018 (sotto allegato) approvato dal Senato nei giorni scorsi e ora al vaglio della Camera.

Le novità per il Codice della Strada del Decreto Sicurezza

Tra le tante novità, novità ci sono  alcune modifiche al Codice della Strada, ad esempio in materia di sequestro e confisca amministrativa, oppure contro i residenti in Italia che circolano con targa estera , nonché sull’inasprimento del trattamento sanzionatorio nei confronti dei parcheggiatori abusivi.

parcheggiatore abusivo e decreto sicurezza
I parcheggiatori abusivi

Nel d.d.l. di conversione al decreto sicurezza è prevista la modifica dell’art. 7, comma 15-bis, del Codice della Strada il quale, attualmente, punisce, salvo che il fatto costituisca reato, i parcheggiatori abusivi, compresi coloro che si avvalgono di altre persone o determinano altri ad esercitare l’attività. Si prevede una sanzione amministrativa pecuniaria che va da euro 1.000 a euro 3.500.La modifica introdotta al decreto sicurezza  andrebbe di fatto a mitigare le sanzioni pecuniarie, prevedendo che coloro che esercitano senza autorizzazione, anche coinvolgendo altre persone, ovvero determinano altri ad esercitare senza autorizzazione l’attività di parcheggiatore o guardiamacchine, siano puniti con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 771 ad euro 3.101.

Quando si rischia il carcere

L’emendamento al d.d.l. di conversione del decreto sicurezza introduce una stretta importante nei confronti dei parcheggiatori abusivi che potranno addirittura finire in carcere in due casi. Il primo caso vede il coinvolgimento di minori, mentre il secondo caso prevede che  il soggetto è recidivo, ovvero sia già stato sanzionato per la medesima violazione con provvedimento definitivo.In tali casi si applicherà la pena dell’arresto da sei mesi a un anno e dell’ammenda da 2.000 a 7.000 euro. A tali sanzioni continuerà ad accompagnarsi la confisca delle somme percepite.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.