Deduzione spese post adozione: i chiarimenti dell’Agenzia

È possibile portare in deduzione dai redditi le spese post adozione, a chiarirlo l’Agenzia delle Entrate in una recente risoluzione.

E’ possibile dedurre le spese post adozione, lo chiarisce con la risoluzione n. 85/E/2019, l’Agenzia delle Entrate. Nella risoluzione l’Agenzia ha chiarito che anche le spese relative agli incontri post adottivi per la verifica del corretto inserimento del minore in famiglia rientrano tra quelle che danno diritto alla deduzione dal reddito delle persone fisiche ai fini Irpef.

Deduzione spese post adozione

Riportiamo in parte la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 85/E/2019, nella quale viene precisato che sono deducibili, in particolare, le spese sostenute a partire dal conferimento ad un ente autorizzato del mandato all’adozione, con il quale inizia la procedura di adozione.

La predetta procedura è da ritenersi conclusa con l’acquisizione dello status di genitore adottivo mediante la dichiarazione di efficacia in Italia, da parte del competente tribunale per i minorenni, del provvedimento di adozione emesso dall’autorità straniera, se l’adozione è stata pronunciata nello Stato estero prima dell’arrivo del minore in Italia.

Se, invece, l’adozione si perfeziona dopo l’arrivo del minore in Italia, il tribunale per i minorenni riconosce il provvedimento dell’autorità straniera come affidamento preadottivo, ai sensi dell’articolo 35 comma 4, della citata legge n. 184 del 1983 e stabilisce in un anno la durata del predetto affidamento decorso il quale, se ritiene che la permanenza nella famiglia che lo ha accolto è ancora conforme all’interesse del minore, pronuncia l’adozione concludendo, con tale atto, la procedura in esame.

Si fa riferimento nello specifico alle spese relative agli incontri post adottivi per la verifica del corretto inserimento del minore, nella citata risoluzione n. 77/E del 2004, è stato chiarito che non sono deducibili le spese sostenute per i “reports post adottivi”, ovverosia quelle connesse alle relazioni e agli incontri successivi al provvedimento di adozione, emesso dall’autorità straniera o alla pronuncia di
adozione da parte del Tribunale per i minorenni.

Ciò in quanto gli stessi rappresentano un onere per i genitori adottivi rientrante nel generico dovere di mantenere, istruire ed educare i figli a fronte del quale l’ordinamento tributario riconosce la detrazione per carichi di famiglia.

Fonte: Agenzia delle Entrate


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”