Detassazione TFS: chi va prima in pensione è premiato

Detassazione TFS, chi va in pensione prima avrà uno sconto maggiore. L’Inps pubblica la circolare con lo sconto approvato, ecco di cosa si tratta.

L’Inps ha pubblicato la circolare numero 90/2020 che stabilisce la detassazione del Trattamento di fine servizio (TFS) per il settore del pubblico impiego, introdotta nel decreto legge numero 4/2019, lo stesso decreto che ha approvato la pensione anticipata quota 100 e che prevede l’anticipo del trattamento di fine rapporto o fine servizio fino ad un tetto massimo di 45.000 euro, sotto forma di prestito agevolato a carico dello Stato. 

Per approfondire l’argomento sull’anticipo TFS, consigliamo di leggere: Anticipo TFS: beneficiari, finanziamento, calcolo, interessi e aliquota Irpef (guida completa)

Detassazione del trattamento di fine rapporto (TFS)

La detassazione del Trattamento di fine rapporto opera fino ad un imponibile fiscale di 50mila euro e corrisponde a 1,5 punti percentuali per ogni anno di ritardo nell’erogazione del TFS rispetto alla data di pensionamento, fino ad arrivare ad un massimo di 7,5 punti.

La normativa vigente stabilisce che la prima rata, fino ad un importo di 50 mila euro viene erogata dopo dodici/ventiquattro mesi, in base al motivo di cessazione. 

La seconda rata invece, viene corrisposta dopo dodici mesi dalla prima e la restante parte dopo ulteriori dodici mesi dalla seconda. 

L’Inps nella circolare emanata, chiarisce che la detassazione opera come detrazione dall’imposta determinata con le regole della tassazione separata. 

Questa agevolazione, viene applicata anche ai dipendenti che hanno cessato l’attività lavorativa prima del 2019, a condizione che venga corrisposta almeno una rata nel 2020.

Liquidazione TFR, calcolo e accantonamento, una mini guida completa

Con uno sconto massimo di 3.750 euro

Scatta da quest’anno la detassazione del trattamento di fine servizio, la misura operata oscilla tra 1,5 per cento e il 7,5 per cento sotto forma di sconto imposte da pagare ai fini iIrpef, quando la buonuscita avvenga a distanza di un anno o di cinque anni dalla cessazione del servizio. 

La circolare Inps sopra menzionata e stata rilasciata in accordo con il ministero del lavoro e dell’Agenzia delle Entrate. 

Lo ‘sconto’ si applica fino ad un massimo di 50mila euro, con un guadagno massimo che  oscilla tra 750 euro fino a 3.750 euro. 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”