Detrazioni figli inabili a carico: con reddito di cittadinanza spettano?

Detrazioni familiare a carico, spettano per figlio inabile al lavoro che percepisce reddito di cittadinanza? Scopriamolo.

Le detrazioni fiscale per familiare a carico spettano qualora il familiare in questione abbia un reddito annuo inferiore a 2840,51 euro l’anno. Fanno eccezione i figli, fino al compimento dei 24 anni, per i quali il limite di reddito annuo è aumentato a 4000 euro. Vediamo il caso in cui, il figlio maggiorenni invalido non risulta più a carico del genitore.

Detrazioni figlio a carico e Rdc

Una nostra lettrice chiede delucidazioni al riguardo delle detrazioni per familiare a carico e ci scrive:

Buongiorno, volevo porvi un quesito. Io ho 46 anni sono invalida civile all 80% e percepisco il reddito di cittadinanza. Ogni anno mi madre prende le detrazioni fiscali per me anche se nn sono residente con lei, Ora il caf mi dice che mia madre nn ne ha diritto perché percepisco il reddito di cittadinanza. Ma come è possibile? L INPS per questo tipo di reddito nn mi ha rilasciato nessun CU. Come è possibile che sia un reddito e che mia madre non ha diritto alle detrazioni per figlia a carico? Inoltre devo precisare che ho iniziato a percepirlo da maggio 2019, quindi se fosse un reddito non è alto. Potreste aiutarmi a capirlo?? Saluti

Per risultare a carico il figlio, anche se invalido civile e come previsto per tutti gli altri familiari, deve possedere un reddito annuo inferiore a 2840,51 euro. Se supera tale reddito non risulta più fiscalmente a carico al genitore. 

Il familiare, quindi, risulta a carico, indipendente dall’età quando non ha mezzi di sostentamento. E’ pur vero che il Reddito di cittadinanza non rientra nell’imponibile IRPEF (e proprio per questo l’INPS non le ha rilasciato certificazione Unica relativa al 2019) ma è anche vero che è un sussidio erogato dall’istituto proprio per fornire mezzi di sostentamento a chi non ce li ha. Avendo percepito, quindi, da maggio a dicembre 2019 (e proseguendo nella percezione anche nel corso del 2020) probabilmente ha superato il limite di reddito consentito per i figli a carico (per averlo superato nei mesi in cui ha percepito RDC, basta una ricarica mensile di poco più di 350 euro per gli 8 mesi di titolarità del sussidio).

Delle due una: o è fiscalmente a carico di sua madre e per questo motivo ha diritto a percepire le detrazioni spettanti per figlio a carico perchè lei non ha reddito, o fa nucleo familiare a se stante ed ha diritto al reddito di cittadinanza. Si tratta in entrambi i casi di prestazioni assistenziali erogate dall’INPS e proprio per questo non sono cumulabili se si supera il limite di reddito massimo.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.