Diabete e glicemia: chi ne soffre corre un maggiore rischio per le fratture alle ossa

Uno studio ha rilevato che chi soffre di diabete di tipo 1, corre un maggiore rischio per le fratture alle ossa, ecco perchè.

È stato fatto uno studio in proposito, chi soffre di diabete di tipo 1, corre un maggiore rischio per le fratture alle ossa, importante tenere d’occhio per questi soggetti la glicemia. Si tratta di una patologia che prevede la somministrazione dell’insulina più volte al giorno, perché altrimenti è prodotta in maniera insufficiente, se i livelli di zucchero nel sangue non sono nella norma possono emergere delle problematiche.

Gli studi fatti confermano

Sono stati eseguiti dei controlli su circa 4000 pazienti affetti da diabete di tipo 1, e su 50 mila soggetti affetti da diabete di tipo 2. I risultati di questi studi, hanno confermato che entrambi i soggetti affetti da diabete, tipo 1 e 2, hanno evidenziato fratture dovute a fragilità ossea, con un’unica differenza, che i soggetti di diabete tipo 1 devono essere più controllati e stare attenti ai valori di glicemia, corrono più rischi, quindi l’importante è essere sempre monitorati e seguire alla lettera le prescrizioni mediche.

Chi è affetto da diabete tipo 2, corre meno rischi, è più facile tenerlo sotto controllo grazie ad una terapia specifica, seguendo un’alimentazione corretta e praticando attività sportiva. I rischi che si corrono per diventare diabetici, si conoscono, e sono: sovrappeso e obesità, il fumo, consumare alcolici e una vita molto sedentaria, quindi, impariamo ad ascoltare il nostro corpo quando ci manda dei campanelli d’allarme. Importante e fondamentale è l’alimentazione che deve essere corretta e attenta, importante fare tre piccoli pasti durante il giorno, accompagnati da spuntini, e poi, eliminare alimenti che contengono gli zuccheri semplici.

Diabete, ridurre la glicemia facendo colazione in modo giusto


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp