Diabete: il pancreas artificiale, l’insulina erogata in automatico

Passo importante per la medicina: pancreas artificiale

Una grande soddisfazione arriva finalmente anche per gli italiani. Si stanno facendo degli ottimi progressi per quanto riguarda la medicina anche nel nostro Paese, lo step definitivo verso il pancreas artificiale. Un evento vero e proprio per la medicina, considerando che è per la prima volta in Italia è stato impiantato in Umbria. Il paziente, era colpito da diabete tipo 1 da giovane età.

Pancreas artificiale per la prima volta in Italia

Gabriele Perriello, il direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie metaboliche del Santa Maria della Misericordia, ha dichiarato: ‘’La novità consiste nel fatto che il nuovo presidio dispone di un algoritmo che permette di somministrare insulina in modo automatico dopo l’acquisizione dei valori del glucosio da parte di un sensore’’.

Leggi anche: Diabete di tipo 2: i sintomi si possono riconoscere 10 anni prima, ecco come

La dottoressa Francesca Porcellati afferma che: ‘’ Attualmente ci sono circa 50 i pazienti in Italia che utilizzano questo nuovo dispositivo, rimborsabile dal Sistema sanitario nazionale alle persone affette da diabete tipo 1, su richiesta del diabetologo, che ne ravvede l’utilità per la presenza di ripetuti episodi di ipoglicemia, a volte inavvertita, o che necessitano di migliorare il compenso glico-metabolico’’.

novità per i diabeticiQuesto nuovo dispositivo, in poche parole, eroga insulina, ogni 5 minuti, 24 ore su 24, sulla base dei valori di glucosio verificati accuratamente da un sensore.

Leggi anche: Diabete di tipo 2 e alimentazione: scoperta la bevanda che abbassa la glicemia

Il rivoluzionario dispositivo, permette di sospendere in automatico l’erogazione dell’insulina. Tutto questo procedimento si produce nel momento in cui il valore del glucosio interstiziale registrato e segnalato dal sensore raggiunge un limite, questa ‘’barriera’’ impedisce l’ipoglicemia.

Inoltre, Francesca Perriello, aggiunge: ‘’L’utilizzo di tecnologie avanzate per la gestione del diabete tipo 1 in Italia è inferiore alla media europea, quando invece è necessario tenere conto che per il sistema sanitario investire in sistemi di questo tipo ottimizza la gestione dei percorsi di cura a costi sostenibili’’.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.