Dieta cinese: incredibile scoperta, 5 modi per combattere l’obesità

Ecco la dieta cinese, aiuta a combattere l’obesità.

In generale la cucina cinese non è che abbia un’ottima reputazione, al contrario di quello che si è scoperto si pensa che i pasti ricchi di carne grassa e riso portino obesità e malattie cardiache. Ma invece ci sono degli studi che affermano che se il cibo cinese viene usato correttamente, si riescono ad ottenere ottimi risultati come prolungare la vita e combattere alcune malattie.

Vediamo come la dieta cinese combatte l’obesità e allunga la vita

1)I cinesi asseriscono che bisogna mangiare fino a quando non ti senti pieno, non affrontano il cibo come un senso di colpa, non si fanno mancare niente e non rinunciano a niente, fanno tre pasti al giorno e per i 7 giorni della settimana, mangiano sempre nello stesso modo e non come fanno un pò tutti considerando il sabato e la domenica giorni in cui si può mangiare di più.

2)I cinesi mangiano senza contare le calorie, uno studio ha rilevato che i consumatori cinesi consumavano circa il 30% in più di calorie degli americani, la loro tattica è quella di evitare calorie vuote, per meglio dire alimenti zuccherati e quelli privi di nutrienti.

3)La caratteristica dei cinesi è quello che almeno un pasto al giorno è del tutto liquido, parliamo di zuppe. I cinesi preferiscono non bere durante il pasto, ma vanno a compensare con pasti liquidi.

4)Lo studio ci dice che senza mangiare riso è impossibile mangiare fino a sentirsi sazi, come sappiamo le diete senza carboidrati fanno bruciare grassi, ma la sostituzione dei carboidrati con grassi e meno nutrienti non è una buona risposta alla perdita di peso, almeno a lungo termine.

5)I cinesi non preferiscono abbinanare a pesce e carne le verdure, loro considerano le verdure veri e propri pasti, infatti loro le utilizzano almeno a coprire la metà del loro fabbisogno giornaliero.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp