Dieta dell’orologio: vi può proteggere dal diabete

La dieta dell’orologio, ottima contro il diabete, ipertensione e glicemia.

La soluzione per combattere il diabete è quella di consumare tutti i pasti della giornata in 10 ore, in questo modo ci si può proteggere dal diabete. Lo ha suggerito uno studio fatto in California, sono stati presi in esame 19 pazienti con problemi di sovrappeso, colesterolo alto, glicemia alta, ipertensione e trgliceridi.

Andiamo a vedere in che cosa consiste la dieta dell’orologio

La dieta dell’orologio non conta le calorie, ma va a contare le ore in cui vengono fatti i pasti, la regola è quella di non superare tra la prima colazione e la cena le 10 ore, come già dimostrato in passato è un sistema molto funzionale per perdere peso e per prevenire il diabete. L’importante è cercare di fare colazione quanto più tardi possibile, così poi non si cena troppo presto la sera. I 19 soggetti, che per tre mesi hanno seguito la dieta dell’orologio, tutti hanno perso peso, e sia i valori del colesterolo cattivo e sia i valori della pressione sono scesi.

L’esperimento andato a buon fine per questi 19 pazienti, si sta cercando di ripresentarlo per altri 100 pazienti. Questi risultati si sono potuti ottenere in quanto è collegato ai ritmi circadiani, l’alternanza tra buio e luce, che vanno a favorire molto il metabolismo. I ritmi circadiani sono degli orologi biologici, sono alla base del funzionamento sia dei sistemi ormonali che del sistema nervoso.

Questi risultati sono ancora più eccezionali e di enorme importanza perché alla fine si riescono ad ottenere senza fare alcuna variazione delle proprie abitudini che siano alimentari o delle attività fisiche che uno fa, i partecipanti allo studio devono fare la loro vita abituale, non devono cambiare niente, anzi, una cosa, mantenere e rispettare gli orari da quando fanno colazione fino alla cena, 10 ore.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp