Dieta mima digiuno: andiamo a vedere i pro e i contro

Dieta mima digiuno, consiste seguirla per 5 giorni almeno una volta al mese, bisogna stare bene in salute.

Bisogna dire innanzitutto che questa dieta può portare numerosi benefici a delle persone mentre ad altre no, sarebbe meglio prima di iniziarla consultare il proprio medico e chiedere consiglio. Questa dieta consiste nel seguire un particolare regime alimentare e  deve essere seguita solo per alcuni giorni/periodi all’anno. La possono fare tutti a tutte le età naturalmente considerando sempre i parametri come peso corporeo, massa, pressione e tant’altro.

Andiamo a vedere quali sono le caratteristiche della dieta mima digiuno

Sperimentata all’università della California da vari ricercatori che hanno concluso che il taglio delle calorie è l’utilizzo di poche proteine specialmente animali, hanno effetti benefici sulla nostra salute. Con questa dieta, facendo digiuno per brevi periodi di tempo si riesce a riequilibrare il corpo facendo un vero reset che annulla gli effetti negativi dell’ormone della crescita.

Questa dieta interessa soprattutto le cellule cancerose, quelle della sclerosi multipla, e si evidenzia un calo dei fattori di rischio per patologie cardiovascolari, per il cancro, per l’invecchiamento e per il diabete mellito di tipo 2. Avrebbe anche benefici sul ringiovanimento delle cellule e della loro protezione nonché l’eliminazione di quelle danneggiate.

Cosa bisogna fare per seguire questa dieta

La prima cosa da fare e questo vale per tutto l’anno, usare tanto le proteine vegetali e ridurre al minimo quelle animali. La dieta in genere dura, ed è consigliata, di farla per un massimo di 5 giorni e almeno una volta al mese; i cibi indicati per una buona riuscita della dieta sono gli alimenti esclusivamente di origine vegetale, se biologici meglio ancora, che apportano carboidrati e pochi grassi insaturi.

Nel primo giorno di dieta secondo lo schema, bisogna assumere intorno alle 1.000 calorie, che vanno così suddivise: 34% di carboidrati, 56% di grassi e il 10% di proteine. Nei giorni a seguire le calorie scendono a 750 assumendo il 47% di carboidrati, il 44% di grassi e il 9% di proteine.

Chi non deve fare la dieta mima digiuno

Per alcuni soggetti può essere anche pericolosa questa dieta, ad esempio in assoluto non la devono fare chi soffre di diabete dipendente da insulina, le persone anoressiche o sottopeso, chiunque abbia patologie gravi e significative, chiedere sempre l’ok al proprio medico. Attenzione a farla anche a chi sta bene ma pratica un’attività sportiva intensa.

Yogurt e dieta ricca di fibre: si riduce il rischio di tumore ai polmoni


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp