Disabile a causa del Talidomide negato il risarcimento: ecco la battaglia di Argentina

Per il risarcimento dei disabile dal talidomide si deve poter dimostrare la patologia materna che ne ha richiesto la somministrazione

Ecco la storia assurda di Argentina, nata con una grave menomazione, che la rende disabile, causata dal farmaco Talidomide. Non gli viene riconosciuto dallo Stato alcun riconoscimento. Questo per un cavillo burocratico della procedura, infatti Argentina per accedere al risarcimento deve presentare una ricetta medica di più di mezzo secolo fa. Il medico che ha esaminato, Argentina, della Commissione Medica Ospedaliera di Bari, con molto imbarazzo, gli ha chiesto la ricetta medica dove era prescritto il Talidomite da somministrare alla mamma. Nonostante abbia accertato che le lezioni presente sul corpo di Argentina sono compatibile con tale farmaco.

 La storia di Argentina: disabile per effetto della Talidomide

Argentina Romanelli è nata senza braccia per gli effetti del farmaco talidomide, e latta da tempo per ottenere il risarcimento. Lo Stato non ha ancora risarcito Argentina, anche se la sua disabilità ha una causa ben precisa, il Talidomote. Questo era un farmaco, che negli anni cinquanta, veniva somministrato alle gestanti per alleviare i disturbi della nausea e come tranquillizzante. Tale farmaco veniva venuta al banco e non erano stati segnalati eventuali controindicazioni, anzi era un farmaco sicuro ed efficace.  Poi, invece, nel 1961 fu ritirato dal commercio, grazie alla scoperta a parte degli americani, dei danni spaventosi che poteva fare ai bambini. Ma purtroppo il ritiro integrale di questo farmaco si è avuto gradualmente. Quindi ancora per molti anni è circolato e veniva veduto incoscientemente alle neo mamma. Tra le vittime di talidomide c’è anche Argentina, che è nata nel 1969 e che ormai sono anni che porta avanti la sua battaglia per ottenere il giusto risarcimento.

Menomata dalla nascita: nessun risarcimento

Argentina è riuscita a parlare, nel 2008, con l’allora ministro Giovanardi e il premier Berlusconi, ottenendo che nel 2008 una legge che prevedeva il risarcimento fino a 4.300 euro al mese per i nati tra il 1959 e il 1965. Ma, Argentina non è stata inclusa. Un nuovo aggiornamento della norma c’è stato negli anni passati, ma in base ad alcune linee guida, l’indennizzo è stato allargato anche per chi è nato al di fuori di quell’arco di tempo stabilito,. Ma solo se viene presento come documentazione la prescrizione del farmaco. La ricetta di Argentina risalirebbe a 50 anni fa, quindi poco probabile che si riesce a conservare una richiesta medica per un tempo così lungo. Quindi anche se il medico accerta che le cause della menomazione sono state la somministrazione del Talidomide, senza ricetta medica non può essere erogato il risarcimento. Ma Argentina vuole ancora combattere la sua battaglia e presenterà ricorso.

Agevolazioni fiscali disabili con legge 104: vanno restituite, ecco quando


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.