Assegno di invalidità al 75%: quali sono le novità del 2019?

-
05/11/2018

L’assegno ordinario di invalidità è una prestazione economica, data a chi ha una capacità lavorativa ridotta al meno di un 1/3 a causa di infermità fisica e mentale. Ecco i requisiti per richiederlo

Assegno di invalidità al 75%: quali sono le novità del 2019?

Molti nostri lettori ci chiedono informazioni su quale sia l’importo dell’assegno di invalidità per un tasso di invalidità al 75%.

Facciamo un po’ di chiarezza e in base a ciò che ha dichiarato l’INPS. L’assegno ordinario di invalidità è una prestazione economica, data a chi ha una capacità lavorativa ridotta al meno di un 1/3 a causa di infermità fisica e mentale.

Tale assegno viene corrisposto ai lavoratori dipendenti, agli autonomi e agli iscritti alla gestione separata. L’erogazione di questo assegno quindi viene erogato dal primo giorno del mese successivo in cui è stata presentata la domanda e ci sono, ovviamente, presenti tutti i requisiti richiesti. Questa differenza dalla pensione di inabilità perché è compatibile con lo svolgimento dell’attività lavorativa. Inoltre, quando si raggiungono i requisiti anagrafici per ottenere la pensione di vecchiaia, l’assegno di invalidità si converte automaticamente in questa.

Assegno di invalidità 75%: ecco importo e requisiti

Pensione d'invalidità all'estero

Come possiamo leggere dalla guida INPS, l’importo dell’assegno di invalidità viene calcolato in modo misto cioè una parte viene calcolata con il sistema retributivo e l’altra con il sistema contributivo Se invece il lavoratore ha iniziato la propria attività lavorativa entro il 31 dicembre del 1995, viene calcolato interamente con il sistema contributivo. Dobbiamo dire che la domanda per ottenere l’assegno di invalidità va presentata dalle persone che hanno una ridotta capacità lavorativa di 1/3 inoltre che abbia maturato 5 anni di contributi, di cui gli ultimi tre nei ultimi 5 anni antecedenti la presentazione della domanda.

Assegno di invalidità 75%: come presentare la domanda

Chi è in possesso, quindi, di questi requisiti, cioè dell’incapacità ridotta lavorativa a 1/3, può inoltrare domanda all’INPS con l’opportuna certificazione medica tramite il sito web utilizzando il PIN se si è in possesso. Altrimenti Rivolgendosi a un ente di patronato o un intermediario dell’Istituto che inoltra la domanda. Oppure utilizzando il Contact Center al numero 803.164 dalla rete fissa o 06164164 dalla rete mobile.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Assegno di invalidità 75%: quali sono le agevolazioni?

Chi non ha i requisiti contributivi per poter richiedere l’assegno ordinario di invalidità può, invece, richiedere l’assegno di assistenza, detto anche assegno di invalidità civile. Il requisito necessario per l’assegno di invalidità civile è quello reddituale cioè il reddito non deve superare i 4.805,19 euro. L’assegno può essere richiesto da chi ha un tasso di invalidità tra il 74% e il 99%.

Tra le agevolazioni che possono usufruire i soggetti con invalidità 75% c’è l’esenzione al 100% del ticket su tutte le prestazioni specialistiche e diagnosi strumentale. Inoltre ai lavoratori spettano i contributi figurativi di due mesi all’anno per un massimo di 5 anni e anche il collocamento mirato presentando al centro dell’impiego la documentazione idonea. Infine possono richiedere un congedo speciale, che non può superare i 30 giorni annui, per i trattamenti legati alla propria infermità.

Assegno di invalidità: cosa accade con la pensione di vecchiaia?