Assegno invalidità per diabete e pensione di reversibilità, sono compatibili?

-
12/08/2020

Compatibilità tra assegno invalidità per diabete e pensione di reversibilità, la pensione viene diminuita o annullata? Qui la risposta

Assegno invalidità per diabete e pensione di reversibilità, sono compatibili?

Assegno invalidità per diabete e pensione di reversibilità, sono compatibili? È la domanda che ci ha posto un lettore a cui rispondiamo in quest’articolo in base alla normativa in vigore. La pensione di reversibilità fa parte delle pensioni news attualmente in vigore nel 2020

Assegno di invalidità e pensione di reversibilità

Un lettore ci scrive: “Buonasera, ho letto un articolo riguardante il diabete in quanto è possibile fare domanda per invalidità civile per patologia… Mia mamma soffre di diabete dal 2012, a oggi si trova senza un rene e la milza, fa controlli periodici in nefrologia e assume 4 volte al giorno insulina e tutte le altre pastiglie…. Volevo sapere se fa domanda di invalidità civile x patologia essendo che percepisce la reversibilità di mio padre, rischia di perderla la pensione di reversibilità? Grazie”

Diabete e legge 104: i valori per fare domanda

Compatibilità in base al reddito

I titolari di assegno di invalidità sono soggetti a un regime di cumulo con redditi di lavoro autonomo o dipendente. In riferimento alla pensione di reversibilità  spetta nella misura del 60% in caso di redditi al di sotto della soglia stabilita dalla legge, ma può scendere anche al 40 o al 25% nel caso che il coniuge superstite percepisca redditi molto alti.

Nel calcolo dei redditi sono inclusi tutti i redditi soggetti all’Irpef con esclusione dei trattamenti di fine rapporto e le relative anticipazioni, il reddito della casa si abitazione “prima casa”. 


Leggi anche: Naspi e disoccupazione a 36 mesi: nuova ipotesi di riforma da 2 miliardi per gli over 55enni

La normativa chiarisce che colui che percepisce  l’assegno di invalidità, non può cumulare il trattamento con le prestazioni dirette in base all’art- 3 della legge 407/1990 (pensioni di guerra, di servizio o lavoro, ecc.). 

In riferimento alla pensione di reversibilità e l’assegno di invalidità, non vi sono ostacoli, ma il riconoscimento viene comunque, considerando in base al tetto di reddito da rispettare. 

Se il reddito derivante dalla pensione di reversibilità, supera i 5.818,93 euro annui, il coniuge superstite non avrà diritto all’assegno. Se il coniuge superstite con reversibilità ha un reddito inferiore al tetto sopra menzionato, avrà diritto ad un assegno ridotto.