Aumento pensione di invalidità: spetta a tutti gli invalidi civili totali?

-
29/07/2020

A chi spetta l’aumento della pensione di invalidità stabilito dalla sentenza del 24 giugno della Corte Costituzionale?

Aumento pensione di invalidità: spetta a tutti gli invalidi civili totali?

LA recente sentenza della Corte Costituzionale, dello scorso 24 giugno, ha stabilito che l’importo erogato agli invalidi civili totali con età compresa tra i 18 ed i 60 anni, è incostituzionale poichè non permette di far fronte alle spese per la sussistenza e per lo svolgimento dei normati atti quotidiani del disabile. Proprio per questo la Consulta ha stabilito che per tutti gli invalidi civili totali che rispettino i limiti di reddito imposti, possano vedere la propria pensione di invalidità integrata al milione.

Aumento pensione di invalidità

Fino a prima della sentenza della Corte Costituzionale l’incremento al milione spettava solo agli invalidi che avessero compiuto i 60 anni di età. La Consulta però, ha evidenziato come i bisogni di un invalido di 20, 59 o 60 anni siano, alla fine, gli stessi, prevedendo l’incremento al milione anche per i titolari di invalidità civile con percentuale al 100% dai 

Mia moglie e titolare di pensione di invalidità  al 100% dal 2017 con riconoscimento di indennità di accompagno sempre dal 2017 chiedevo se le spetta l’aumento non ha altri redditi tranne l’abitazione principale al 50% di una modesta abitazione che condivide con me  e non possiede altri redditi grazie per una vostra cortese risposta cordiali saluti.  Ps.chiedo se devo presentare qualche domanda all’INPS grazie


Leggi anche: Contributi a fondo perduto per Partite IVA e professionisti: le novità in arrivo con il Decreto Sostegno

L’aumento spetta, come abbiamo detto, agli invalidi civili al 100% con età compresa tra i 18 ed i 67 . L’aumento è vincolato anche al reddito personale dell’invalido che non può superare i 6713,98 euro annui.

Restano esclusi, quindi, dall’aumento stabilito dalla Corte Costituzionale tutti gli invalidi civili al 100% con reddito personale compreso tra 6713,98 e 16.982,49 euro annui  (quest’ultimo è il limite di reddito annui per avere diritto all’invalidità civile con importo normale).

Se sua moglie, quindi, con l’esclusione dell’abitazione principale ha redditi inferiori a 6713,98 euro annui (si riferisce esclusivamente ai redditi dell’invalido e non del nucleo familiare di cui fa parte), ha diritto all’integrazione al milione e a vedersi riconoscere una pensione di invalidità mensile di circa 650 euro mensili.

Non c’è bisogno di presentare alcuna domanda, l’aumento avviene in modo automatico e viene pagato dallINPS a tutti gli aventi diritto.