Aumento pensione di invalidità: spetta se si percepisce anche altro trattamento?

-
03/08/2020

Non a tutti gli invalidi civili al 100% spetta l’incremento al milione previsto dalla sentenza dello scorso giugno: vediamo i limiti di reddito per beneficiarne.

Aumento pensione di invalidità: spetta se si percepisce anche altro trattamento?

L’ultima sentenza della Corte Costituzionale di giugno ha affermato che per gli invalidi civili totali da 18 a 60 anni l’assegno di invalidità civile corrisposto, di circa 286 euro, non è sufficiente per garantire il sostentamento. Per gli invalidi civili coni 60 anni compiuti era già previsto l’incremento al milione e i giudici, sostenendo che non vi è differenza tra invalidi al 100% che hanno compiuto i 60 e chi invece non li ha ancora raggiunti: proprio per questo ha predisposto l’incremento al milione anche per chi i 60 anni non li ha ancora compiuti.

Aumento pensione di invalidità

Una lettrice scrive per chiedere:

Mio marito ,invalido al 100 per cento, percepisce invalidità civile di euro 286,81 e invalidità di euro 780,85. Per un totale di euro 1067,66 mensili. Domanda: ha diritto all’aumento della invalidità civile? Grazie

L’aumento dell’invalidità civile con integrazione al milione non spetta solo in base alla percentuale di invalidità riconosciuta ma anche in base al reddito.

Fermo restando che l’incremento al milione sarà riconosciuto solo ed esclusivamente agli invalidi civili totali con età compresa tra i 18 ed i 67 anni, lo stesso spetta solo se l’invalido totale ha redditi annui fino a 6.713,98 euro.


Leggi anche: Pensioni anticipate per lavoratori precoci: entro oggi 1° marzo 2021 la domanda per la certificazione dei requisiti

Nel caso specifico di suo marito, pur rientrando nei requisiti reddituali per percepire la pensione di invalidità civile (che richiede redditi inferiori a 16.982,49 euro), non rientra nell’incremento al milione riservato soltanto agli invalidi civili con redditi più bassi.

Pur non rientrando la stessa pensione di invalidità civile percepita nel conteggio dei redditi annui limite, suo marito percepisce anche assegno ordinario di invalidità (che è a tutti gli effetti una pensione essendo calcolato sui contributi effettivamente versati) il cui importo annuo supera i 6713 euro di limite imposto per poter percepire l’incremento al milione.

Nulla toglie che la prossima legge di Bilancio possa portare un ampliamento dei beneficiari della misura e che l’incremento al milione, nel prossimo futuro, possa riguardare tutte le pensioni di invalidità per chi ha percentuale al 100%. In ogni caso al momento l’aumento a suo marito non spetta.

Per leggere cosa prevede la sentenza di giugno consiglio di consultare l’articolo: Aumento pensione di invalidità: spetta a tutti gli invalidi civili totali?